Utente 146XXX
Cari dottori, vi scrivo per conto di mia zia la quale vorrebbe avere qualche rassicurazione in merito alla sua seconda risonanza al cuore fatta dopo aver avuto un principio di infarto nel mese di gennaio, definito infarto da stress dagli specialisti che l'hanno presa in cura. Vorrebbe capire a cosa potrebbe andare incontro in futuro.

Ecco l'esito:
Esame eseguito con diverse acquisizioni del segnale,T1-T2 pesate, cineangiografiche, senza
e con mdc paramagnetico nelle proiezioni 2 camere, 4 camere e asse corto base apice.
AI controllo odierno (cfr esame del 12.01.12) allo studio cineangiografico si evidenzia
recupero della cinetica dell'apice settale, inferiore e parete anteriore permanendo ipocinesia
dell'apice settale. Frazione di Eiezione calcolata mediante programma dedicato (Argus VA
30) = 63,4 %. Per i restanti parametri della funzione ventricolare sx si rimanda alla tabella
elaborata con programma dedicato Argus che si trova alla fine dell'esame.
Dopo iniezione di mezzo di contrasto nelle sequenze tardive permane sostanzialmente
invariata la sottile e sfumata area di iperenhancement subendocardico a carico dell'apice
setta le da riferire a lesione infartuale subendocardica.
Non versamento pericardico.

La cura prescritta: ansoprazolo 30 mg, torvast 20 mg, vasexten 10 mg, cardioaspirina 100 mg, bisoprololo sandoz 2,5 mg.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la lesione cardiaca riscontrata non è particolarmente grave da inficiare la perfomance cardiaca in generale, che risulta infatti essere buona. Sarebbe tuttavia utile che essa fosse valutata anche sotto sforzo, mediante un test al treadmill o al cicloergometro.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
Caro Dottor Martino,

mi pare di capire da ciò che scrive che mia zia non abbia modo di preoccuparsi; le chiedo un parere sulla cura prescrittale in quanto il suo medico di famiglia non sembra molto convinto del tipo di terapia. Le faccio presente che il soggetto ha 66 anni e che in passato non ha mai sofferto di patologie cardiache.
Cordiali saluti.