Utente 109XXX
Mia moglie stà facendo indagini per una sacca che si è formata sul palmo della mano e che le provoca dolore anche al braccio.
Dal nastro ospedale è stata inviata al CTO per approffondire, ma ad oggi non abbiamo ancora le cose chiare. Si parla d'inervento ma sembra che il male al braccio non andrebbe via. Vi copio il referto .
Alla mm presenza di lesione di c 15mm di diametro con intensa impregnazione
Eo: passerella palpabile di c 1,5cm nella regione palmare tra tendini flessori 2 3 dito
Dolore anche notturno intenso all’avambraccio sinistro,profondo,pulsante,in territorio del n. mediano
Tinel neg. Al polso
Phalen neg.
Dolore alla presso palpazione della massa palmare che non è corrispondente al dolore lamentato
Alla etg con mdc aspetto di lesione angiomatosa a partenza dall’arteria intercarpale. Si trattiene documentazione per discussione collegiale
Chiedo a Voi un parere, di cosa si tratta, quale strada prendere e se il reparto di ortopedia oncologica sia meno adatto al mio caso (era stata inviata lì perchè per quello della chirurgia della mano c'era no tempi lunghi ) o è meglio rivolgersi a uno specialista della chirurgia della mano. Eventualmente quali sono i migliori TO o Mi ? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

non credo ci siano sostanziali differenze se l'intervento viene eseguito dal chirurgo della mano o dall'ortopedico oncologo, purchè questi abbia esperienza di mano.

Circa la diagnosi di angioma, essa è corretta se la neoformazione si sviluppa da vasi venosi, ma se l'ecografia fa riferimento a un vaso arterioso, si tratta di un aneurisma e non di un'angioma.

In ogni caso, l'intervento è opportuno.

Solo in seguito si vedrà se il dolore all'avambraccio scompare oppure no.

Buona domenica.
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Grazie della risposta tempestiva quando mi contatterà il medico che mi ha visitato e che ha chiesto la discussione collegiale, la ridisturberò per informarla e per risentire in Suo parere.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
OK.

Buona notte.
[#4] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dottore La ricontatto perchè vorrei sapere la differenza tra un angioma e un'anaurisma Dal centro dove stò facendo le indagini non mi hanno parlato di anaurisma ma di angioma, senza approffondire. Se ho ben capito uno è sulla vena, l'altro è sull'arteria (come evidenzia l'ecografia ) Oggi mi hanno contattato per dirmi che mi operebbero ma che devo fare un'elettromiografia (con tempi d'attesa lunghi ). Secondo Lei è proprio il caso visto che non è stato evidenziato il tunnel carpal? Ho già fatto questo esame tempo fa ed è doloroso.Quindi Le chiedo se l' intervento con un'angioma o un'anaurisma è uguale e quale è più complicato. Grazie
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Un angioma è un insieme di vasi anomali formatisi da una vena, mentre un aneurisma è una dilatazione formatasi su un'arteria.

Il motivo per cui le è stata chiesta nuovamente una EMG non mi è noto: bisognerebbe chiederlo a chi l'ha richiesta: forse vogliono vedere se è questa neoformazione vascolare la causa del dolore irradiato al braccio, a seguito di una ipotetica compressione neurologica.

La maggiore o minore complessità dipende da fattori locali che non conosco: l'asportazione di un aneurisma può essere molto più complessa qualora si debba procedere alla ricostruzione dell'arteria da cui esso si è formato.

Buon pomeriggio.