Utente 250XXX
Gentili medici,
gradirei esporvi un mio problema che mi sta causando paranoie ed imbarazzo. Ho sempre avuto difficoltà a scoprire il glande sia a pene normale che a pene eretto e ho deciso di recarmi da un medico urologo amico di famiglia, il quale, in data 30 aprile,ha stato diagnosticato un frenulo breve e mi ha sottoposto, nella stessa giornata, a un intervento di frenulotomia. Mi sono stati messi 4 punti di sutura (guaribili in una decina di giorni, secondo l'urologo) e mi è stato suggerito di lavare il glande quotidianamente con un sapone neutro. Il mio problema consiste in questo: ormai a pene non eretto non ho alcuna difficoltà a scoprire il glande, nonostante abbia ancora piccoli problemi di ipersensibilità che sto risolvendo tramite lavaggi e ginnastica prepuziale. Tuttavia mi è capitato di fare un tentativo di scoprire il glande a pene eretto e trovo ancora enormi difficoltà nello scoprirlo, riesco a farlo scorrere per 1-2 centimetri e poi il prepuzio si ferma. L'urologo che mi ha avuto in cura non ha diagnosticato una fimosi, tuttavia vorrei comunque chiedervi: esiste una correlazione tra frenulo breve e fimosi o sono due problemi distinti? Ero personalmente convinto che, rimosso il frenulo, non avrei avuto nessun problema nemmeno a scoprire il glande a pene eretto eppure mi ritrovo nella stessa situazione di prima. Potreste darmi delucidazioni in merito?
Vi ringrazio per la disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,è troppo presto per tirare le conclusioni sull'efficacia della frenulotomia sull'evaginazione del prepuzio sul glande,sia a riposo che in erezione.Continui a seguire le indicazioni del chirurgo operatore e,tra una diecina di giorni,ci aggiorni, se ritiene.Cordialità.