Utente 250XXX
Salve,
sono un odontoiatra che lavora a Roma presso ambulatorio odontoiatrico, chiedo cortesemente informazioni su:

1) Legislazione ed autorizzazioni per eseguire sedazione cosciente endovenosa (eseguita da anestesista) presso ambulatorio odontoiatrico (possibilmente con riferimenti specifici per rintracciare tali documenti)

2) avete conoscenza di anestesisti a Roma con esperienza di sedazione con pazienti odontoiatrici disponibili per una collaborazione?

3) quale attrezzatura è obbligatoria e quale consigliabile per tale procedura presso studio dentistico?

4) cosa pensate del protossido d'azoto? lo consigliereste?

grazie molte della cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Cerca nel dizionario medico il significato di

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
16% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Buona sera, per rispondere comincio dall'ultima domanda:
- Non amo il protossido di azoto anche se l'ho usato per anni nelle miscele gassose in Anestesia generale, ha una sua tossicità e dato che negli studi in genere non c'è un sistema di smaltimenti gas, a mio parere è preferibile utilizzare procedure diverse e sopratutto endovenose.
-Io sono a conoscenza del fatto che ci vogliono delle autorizzazioni specifiche quando si procede a pratiche anestesiologiche in uno studio e non solo odontoiatrico. Purtroppo non posso fornire i riferimenti normativi, ma la ASL credo possa fornire tali informazioni.
-L'attrezzatura consigliabile e penso anche obbligatoria, è tutta quella che consente di somministrare in sicurezza ad un paziente farmaci, per la sedazione cosciente, che possono tuttavia essere potenzialmente depressori del respiro e del cuore, e propio per questo possono essere somministrati solo da un anestesista.
Quindi un monitor ECG, un sistema di ventilazione, almeno con un va e vieni, con O2 (quindi bombole di O2), un saturimetro, e poi tutti i farmaci per le emergenze unitamente a sistemi di cannulazione endovenosa.
Spero di essere stata chiara, buon lavoro.