Utente 250XXX
Buona sera, da un po’ di tempo non so se in coincidenza alla separazione da mia moglie, non riesco più ad avere degli orgasmi normali. Ho una serie di orgasmi senza la fuoruscita dello sperma, con un periodo refrattario di pochi secondi. Per riuscire a raggiungere un vero orgasmo con l'eiaculazione, devo concentrarmi molto e pensare di fare sesso con una donna diversa da quella che sta con me. Se non pratico questa tecnica posso andare avanti per ore. Ammetto che alcune donne che frequento trovano questa cosa piacevole, ma per me è un po’ frustrante a volte. Ho letto che potrebbero verificarsi dei problemi alla prostata, inoltre prolungate erezioni di 2\3 ore, possono causare dei problemi al pene?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,aldilà delle considerazioni psicologico-affettivo-situazionali,credo che vada indagato lo stato delle ghiandole seminali cui spetta la produzione del liquido seminale (prostata e vescicole seminali).Assume medicinali (antidepressivi,alfa litici etc.) ? Ha mai eseguito un'ecografia prostatica ed una visita specialistica?Va da se che prolungare i rapporti non giovi al benessere sessuale.Contatti un andrologo e,se ritiene,ci aggiorni.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 250XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la sua risposta. Dall’andrologo ci sono stato anche se non di recente (Due anni fa), perché in passato ho sofferto di prostatite, mi ha dato una cura e in tre mesi sono spariti i dolori. Per quanto riguarda l’ecografia l’ho fatta due mesi fa, alle reni che alla prostata, (ho fatto anche l’analisi del PSA e delle urine) perché mi sveglio tutte le notti con un forte bisogno di urinare e un gran male alle reni. I risultati non hanno riscontrato nessun’anomalia, il medico mi ha consigliato di controllare la schiena. Quando faccio pipì inoltre schizzo dappertutto, non ho un raggio preciso. Già che ci sono approfitto della vostra disponibilità per dire che da qualche giorno ho un fastidio nel corpo del pene e nel canale interno, non brucia quando faccio pipì, però è molto fastidioso perché dura per tutto il giorno costringendomi a spostare di continuo il pene cercando una posizione che allevi il fastidio. Non assumo anti depressivi. C’è un’altra cosa che vorrei chiedervi, l’andrologo mi ha detto che per evitare la prostatite bisogna espellere regolarmente il residuo prostatico, l’ho preso in parola, cerco di fare sesso il più possibile e quando non ho la partner disponibile, pratico l’auto espulsione :) in modo da riempire tutti i giorni della settimana. Esagero? Ringrazio ancora per la gentilezza, buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

fatta la premessa che la sua complessa situazione clinica richiede una attenta e diretta valutazione con esperto andrologo od urologo, le posso dire, prendendo sempre spunto dalle informazioni un pò confuse che ci invia, che si può ipotizzare un problema infiammatorio o di aumento del volume della sua ghiandola prostatica.

Per il suo problema sessuale e gli annessi e connessi problemi prostatici le consiglio l'attenta lettura di questi articoli:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/228-rapporto-tarda-finire-impotenza-eiaculatoria-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/383-prostata-aumenta-volume-ipertrofia-prostatica-benigna.html,

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html,

http://www.medicitalia.it/salute/prostata .

Un cordiale saluto.