Utente 250XXX
Salve,
Vorrei sapere quali sono i RISCHI nel fare il sesso anale NATURALMENTE senza preservativo CON LO STESSO PARTNER? (CONSIDERANDO CHE ENTRAMBI NON ABBIANO NESSUNA MALATTIA)

Statisticamente cosa è emerso? In giro si dice tutto il contrario di tutto... sono davvero molto confuso.

La ringrazio.

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il sesso anale va protetto sempre, poiche l' ano è deputato al transito fecale, e le feci non sono certo immuni da batteri che infettano: prepuzio, glande, uretra e prostata.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

possiamo preliminarmente dire che il sesso anale è un gioco sessuale, giudicato non da tutti come una pratica "positiva" ma, se fatto con delicatezza e condivisione, può portare ad entrambi i partner un piacere orgasmico non secondario od inferiore a quello raggiunto con una "regolare" penetrazione vaginale, petting od altro gioco sessuale.

Generalmente è sempre bene lubrificare l’ano prima della penetrazione perchè lo sfintere anale non gode di una sua lubrificazione come la vagina; solo quando la partner è pronta, si può iniziare la penetrazione vera e propria, stando sempre molto attenti a procedere in modo lento e "non violento".

Usare sempre il preservativo per proteggersi dalle malattie sessualmente trasmissibili, soprattutto quando il partner non è ben conosciuto, e ricordarsi che il sesso anale non può essere considerato un metodo contraccettivo sicuro e che circa 10% delle coppie che praticano questo gioco sessuale, ogni anno, va incontro a gravidanze non desiderate.

Infine è bene sempre ricordarsi di non passare mai dalla penetrazione anale a quella vaginale con lo stesso preservativo; questo per evitare possibili infezioni vaginali e alle vie urinarie infatti l'ampolla rettale è un luogo ideale in cui possono proliferare batteri ed altri microrganismi facilmente trasmissibili in altri distretti anatomici.

Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 250XXX

Iscritto dal 2012
vi ringrazio per la pronta risposta. Buon lavoro!