Utente 250XXX
Egr.dr.
Preambolo:
Per tristi eventi di vita ho sofferto MOLTISSIMO(il cuore più volte mi è sembrato che scoppiasse) . Propabilmente da sempre, soggetto ansioso!.da oltre due anni avverto quotidianamente extrasistoli....(poco male!!).. Già l'estate scorsa e, per ultimo il 25 aprile u.s. però, sono stata male per numerose extrasistoli, aritmie (il polso si fermava per un bel pò), stato di astenia, prostrazione, voce flebilissima. Necessità di stare a riposo.
Il 26 mi è stato applicato l'Holter 24h e, come al solito accade, sono stata molto meglio rispetto al gg. precedente.(come ogni gg).
Il 28 mi hanno accompagnata al P.S. perchè non mi sono sentita bene anche se avvertivo meno disturbi del gg.25.
Alla visita dei sanitari del P.S.(ECG) mi è stato riscontrato un trascurabile rigurgito mitralico da ridondanza del LAM. Gli esami del sangue: WBC,RBC,HGB,HCT,MCV,MCH,MCHC,PLT,glic., azot.,trans.GOT, trans.GPT,GGT,calcio,magnesio,sodio,potassio,cloro,LDH,CPK,birilub.tot.sono risultati essere ottimali.
Oggi ho ritirato i risultati dell'Hotel: RITMO SINUSALE PER TUTTA LA DUR. DELLA REG.NE CON F.C.MEDIA 74,MAX108 E MEN 56B/M.
NUMEROSI BATTITI ECTOPICI VENTRICOLARI, MONOFORMI, CON DUE COPPIE.
ALCUNI EPISODI DI BI E TRIGEMINISMO VENTRICOLARE.
NON ARITMIE IPOCINETICHE.
ASSENTI ALTERAZIONI DEL TRATTO S-T/ONDA T DA RIFERIRE AD ISCHEMIA ACUTA.
Quello che mi preoccupa è che durante l'holter mi sentivo come (ormai) mi sento ogni giorno, da due anni a questa parte. Il gg 25, al contrario, il cuore mi sembrava impazzito e stavo male anche psicologicamente oltre che fisicamente(così com'è avvenuto 1 o 2 anni addietro).
Le premetto che da anni assumo ansiolitico (alprazolam EG da 0,75mgml 10 gocce al mattino) Ultimamente mi è stato consigliato di aumentare la dose a 30 gocce al dì distribuite fra matt. e sera).
Gradirei avere un suo giudizio su quanto le ho esposto.
Ringraziandola per la pazienza accordatami (per leggere tutto questo sermone)ATTENDO, SPERANZOSA, UNA SUA celere, RISPOSTA.
La saluto cordialmente a La ringrazio ancora.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gli esami che lei riporta non sono preoccupanti, ma sono presenti extrasistoli ventricolari che pare la infastidiscano non poco. Anche se e' moltio verosimile che lei abbia, per sua stessa ammissione, dei problemi legati all'ansia, forse sarebbe opportuno assumere farmaci quantomeno per migliorarle la qualita' di vita: gli ansiolitici possono giovarle, ma certo non hanno dirette attivita' antiaritmiche.
Ne parli con il cardiologo che la ha in cura.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 250XXX

Iscritto dal 2012
Gent.mo dr. Cecchini,
La ringrazio per la celerità con cui mi ha risposto.

Così come da Lei consigliatomi consulterò il mio cardiologo di fiducia.

A seguito del primo episodio di 1 anno addietro (simile a quello verificatosi il 25 aprile c.a.) PERO' , il medesimo mi consigliò di assumere solo ansiolitico (secondo lui meno dannoso e "condizionante" dei farmaci specifici per le aritmie, di andare in palestra, di non fumare e di imparere a convivere con quei disturbi extrasistolici che erano, comunque, benigni).

Le riporto il risultato dell'holter del 2011:
RITMO SINUSALE PER TUTTA LA DUR. DELLA REG.NE CON F.C. COMPRESA TRA 105 E 55 BPM.
SPORADICHE EXTRASISTOLI SOPRAVENTRICOLARI RARAMENTE RIPETITIVE.
ALCUNE EXTRASISTOLI VENTRICOLARI POLIMORFE, A TRE MORFOLOGICHE, ISOLATE, TARDIVE TALORA INTERPOLATE, OCCASIONALMENTE AVVERTITE DALLA PZ.
ASSENTI MODIFICAZIONI TRANSITORIE SIGNIFICATIVE DEL TRATTO ST-T.

Non sò se ha la possibilità di confrontare i suddetti risultati(dell'anno scorso) con quelli di aprile c.a. che Le ho comunicato nella mia precedente.

Se, eventualmente, potesse farlo, Le sarei ancor più grata se mi evidenziasse le eventuali "evoluzioni" da un anno all'altro.

Mi scusi se La sto intrattenendo più del dovuto ma, deve comprendere,
che avere la possibilità di consultare uno specialista come lei (standosene comodamente a casa) non è cosa di poco conto!

Come Le dicevo, quindi, gradirei sapere se il consiglio che mi diede l'anno scorso il mio cardiologo (a seguito di visita, ECG e visione dei risultati Holter) lo avrebbe condiviso e, cosa ALLO STATO ATTUALE, si è , eventualmente, modificato.

Spero di essermi espressa in maniera chiara.

Restando in attesa Le invio un cordiale saluto ed un GRAZIE......di cuore...!!

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi gli antiaritmi non sono ""condizionanti"...sono farmaci che funzionano bene e che non creano problemi di alcun tipo, se impiegati bene. Gli ansiolitici danno spesso dipendenza fisica e psicologica (od entrambe). L' ultimo holter ha registrato numerosi battiti extrasistolici, anche con coppie (non c'e' scritto quanti, ma solo numerosi); dal momento che questi la infastidiscono riterrei opportuno una terapia antiaritmica, con tutti i i limiti del mezzo telematico e non sapendo pressoche' niente di lei.
E' chiaro poi che sei lei stesse continuando a fumare, il discorso diventerebbe del tutto inutile.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 250XXX

Iscritto dal 2012
Buon giorno dottore,

Premetto, che eviterò di disturbarla ulteriormente su questo specifico problema ma, ieri ho dimenticato di chiederLe se i disturbi di cui sono affetta possono, nel tempo, creare complicanze o danni ed, eventualmente, di che natura.
La terapia antiaritmica che mi consiglia di assumere serve solo allo scopo di migliorare la qualità di vita, oppure, per non incorrere in complicanze a carico del cuore o quantaltro?
La ringrazio di tutto e le comunico che ho avuto un piacere immenso nell' averla consultata.
Cordialità

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Nopn e' facile rispondere correttamente alla sua domanda, in quanto solitamente le aritmie ventricolari come quelle segnalate nel suo holter hanno carattere benigno, ma la medicina non e' una scienza esatta, e pertanto meno extrasistoli ventricolariu si hanno, sostanzialmente, e piu' sicuri si e'.
Non provocano alcundanno al cuore, se questa era la sua domanda, e se sono, come pare, polimorfe, cioe' a piu' di una morfologia, potrebbe valere la pena di trattarle. ma ovviamente questa decisione spetta al cardiologo che la tiene in cura e che ha potuto visionare iol tracciato in questione
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org