Utente 242XXX
Gentili dottori,

chiedo cortesemente di rispondere al mio consulto in quanto ieri mi è successo una cosa strana giocando a calcio:
dopo circa una quarantina di minuti di gioco mi è venuta una nausea e un bruciore al centro del petto.Fortunatamente la nausea è passata dopo essermi fermato per circa 5 minuti mentre il bruciore al petto è continuato anche un paio di ore dopo la fine della partita.

Premetto che ho 31 anni, che fumo 8 sigarette al giorno (rollate da me) e che questa era la quarta partita che facevo dopo uno stop dallo sport di circa un anno.

Circa un anno e mezzo fa ho effettuato alcuni accertamenti cardiologici (ECG ed ecocardiografia, risultati normali) poichè sconvolto dalla pardita di un mio caro amico morto per aneuirisma aortico poco più che trentenne.

Da cosa potrebbe dipendere questo bruciore?c'è bisogno di fare altri accertamenti?

In attesa di un vostro cortese riscontro in merito saluto cordialmente!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Per tranquillità è opportuno che lei esegua un test da sforzo, indagine che ha come obiettivo la riproduzione dei disturbi di origine cardiaca che si verificano spontaneamente. Se il test da sforzo dovesse ricreare i fastidi che lei riferisce e l'ECG eseguito durante il test non dovesse dar luogo a registrazione di alterazioni del cuore, può tranquillizzarsi e non imputare i disturbi a problemi cardiocircolatori.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 242XXX

Iscritto dal 2012
Grazie del consiglio dott. Rillo,

stamattina sono stato anche dal mio medico di famiglia il quale ha detto che il bruciore e la nausea che ho avvertito potrebbe anche essere dovuta ad una iperacidità dello stomaco (visto che in passato ho sofferto di reflusso) e visto che il bruciore è comparso in concomitanza alla nausea (che mi dava in gola rigurgido di materiale acido). Ha detto di non preoccuparmi perchè il mio cuore sta bene (visti anche gli accertamenti fatti ) e che se i sintomi dovessero persistere bisognerebbe ricominciare la terapia per il reflusso.

Lei cosa ne pensa?è verosimile la diagnosi del mio medico

In attesa di una sua risposta la saluto cordialmente
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Ritengo che il sospetto del suo medico sia più che giustificato ed è altamente probabile che abbia ragione. Può provare come le è stato consigliato riprendendo gli antiacidi persistendo i disturbi. Ciononostante non sottovaluti il problema del fumo che è un'importante fattore di rischio cardiovascolare. Cerchi di smettere.
Cordialità
[#4] dopo  
Utente 242XXX

Iscritto dal 2012
Grazie mille per la risposta dott. Rillo,

cercherò di smettere di fumare, anche se nn sono un fumatore "incallito" in realtà ne fumo 8 max 10 al giorno e per giunta rollate da me.

Cordialità