Utente 583XXX
Salve, ho una cardiopatia congenita e stenosi polmonare. Poco tempo fa mi è stata diagnosticata la sindrome di Eisenmenger non operabile, attualmente non prendo medicinali e non ne ho mai presi uso solo ossigenoterapia, ma vorrei sapere quali esami esegiure per monitorare e diagnosticare precisamente la sindrome e se veramente la durata della vita è di qualche anno solamente.
Spero mi risponda qualcuno grazie saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
Da quanto leggo ha 38 anni, è una donna e ha una patologia congenita non meglio precisata associata ad una stenosi polmonare...
Sarebbe utile avere maggiori dettagli in quanto un vizio congenito che determina nel tempo una sindrome di Eisenmenger è associato ad un iperafflusso polmonare che non è invece tipico della stenosi polmonare...
Riguardo a questa sindrome vi sono oggi alcuni farmaci che possono essere impiegati nel trattamento di questa condizione come il Bosentan che personalmente utilio in alcuni pazienti che seguo per questo stesso motivo. Si tratta di un farmaco che viene rilasciato solo dalla farmacia dell'ospedale e che può essere prescritto solo da specialisti ospedalieri con una particolare procedura e dopo esami specifici. Il monitoraggio di questa condizione richiede infatti un cateterismo cardiaco destro e sinistro, un ecocardiogramma, una spirometria e un 6 minutes walk test...
In sintesi sarebbe opportuno una valutazione in un centro specialistico che si occupa di questo tipo problemi in quanto come può immaginare non è una situazione semplice da poter essere trattata via e-mail!
Circa le aspettative di vita, chi le ha dato pochi anni di è indubbiamente privo di sensibilità e poco professionale in quanto la prognosi oggi per i pazienti che soffrono di s di Eisenmenger può essere sensibilmente migliorata adottando le corrette strategie terapeutiche.
cordialmente

[#2] dopo  
Utente 583XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille Dottore per la sua risposta mi ha tranquilizzato un pò. Comunque ora sentirò un cardiologo e vedremo il dafarsi.
Grazie di tutto