Utente 213XXX
Buonasera,

premetto che sono alle mie prime esperienze nonostante l'età che ho;
il mio problema consiste nell'avere fortissimi dolori testicolari in seguito a rapporti sessuali con conseguente difficoltà a camminare ma anche a scendere/salire dall'auto.
I dolori scompaiono dopo 6-8 ore dal rapporto mentre permane, tutt'ora, un gonfiore scrotale, ad occhio vedo proprio che è gonfio, ingrossato mentre i testicoli non sembrano aver cambiato forma.

Cosa potrebbe essere? Ho fatto movimenti coitali troppo forti da provocare danni alle gonadi?

Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

la presenza di dolore testicolari forti come lei riporta richiede per forza una valutazione del medico...già il suo medico di base può aiutarla visitandola o magari lo specialista andrologo.
non è escluso che movimenti coitali o lunghe eccitazioni possano favorire certi "fastidi" sui genitali che possono nascere dalla prostata.

comunque nel suo caso, senza tante ipotesi , è ncessaria la visita del medico.
si faccia indicare o guidare dal suo medico di base.

cordialità
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

da questa postazione poco le possiamo dire per capire la reale causa del suo dolore testicolare (infiammazioni, varicocele, altro).

Bisogna sentire il suo medico e poi a ruota anche un esperto andrologo.

Nel frattempo, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html .

Qui potrà trovare tutte le raccomandazioni, date dal National Cancer Institute statunitense, su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Ringrazio il Dott.Colpi e il Dott.Beretta per avermi risposto.

Sto riflettendo su quello che ha scritto, Dott.Colpi, perchè in effetti gli ultimi due rapporti che ho avuto sono durati quasi 1 ora tra l'altro senza eiaculazione..e questo non me lo so spiegare neanche io dato che ero eccitato. Poi ha parlato di prostata e non posso fare a meno di dirle che assumo finasteride 1 mg da circa 1 mese, può voler dire qualcosa?

Ho appena effettuato l'autopalpazione dei testicoli come riportato nel suo articolo Dott.Beretta ma non sono riuscito a trovare nulla di anomalo anche se questo può esser dovuto alla mia inesperienza.

in ogni caso farò questa visita anche se ho molta paura sinceramente.


Grazie per l'interessamento

[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

una stimolazione sessuale protratta, senza una successiva eiaculazione, già può essere considerata come una possibile causa del suo dolore testicolare.

L'uso della Finasteride invece non può essere invocata in questo caso come un "problema".

Sull'autopalpazione invece le dò ragione e non si fermi a questa, ora bisogna consultare in diretta un esperto andrologo.

Cordiali saluti.