Utente 234XXX
Salve dottori, oggi mentre scendevo dall' autobus mi sono accidentalmente graffiato con una pianta con gli ahi di quelle grasse posizionata al margine della strada. Dal mio graffio non è uscito sangue almeno a vista, ho provato anche a strizzare ma non è uscito niente, arrivato a casa mi sono lavato con del sapone. Volevo sapere siccome la pianta era abbastanza sporgente nella strada e penso che qualcuno si possa essere tagliato con essa, rischio qualche malattia come hcv o hiv?? rispondetemi vi prego sono in ansia..
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non entri in assurde spirali di paure ed ansie inutili!

I virus da lei citati non resistono, anche se presenti, a lungo in ambiente esterno e tanto meno su una pianta grassa; poi altro dato rassicurante è che comunque la sua ferita, se di ferita si può parlare, era molto superficiale e, come da lei scritto, senza fuoriuscita di sangue.

Tranquillo e stia attento alle piante grasse!

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
La ringrzio moltissimo, dato che ha avuto la gentilezza di rispondermi vorrei chiederle alcune delucidazioni.
Il virus Hcv perchè ci sia un contagio è necessaria una dose massiccia di sangue infetto oppure basta una microgoccia non visibile magari secca?
Poi la ferita con cui entra in contatto il sangue infetto deve essere consistente oppure basta una microferita?
Le prego se può rispondermi perché in rete trovo pareri discordanti..
Le porgo i miei più cordiali saluti aspettando con ansia la sua delucidazione.
Buona giornata!
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

il contagio per l'HCV parte sempre da sangue infetto che incontra ferite aperte, rapporti sessuali a rischio oppure trasfusioni o terapie chirurgiche fatte in condizioni igeniche difficili e non sicure (situazioni quest'ultime molto eccezionali al giorno d'oggi).

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
capisco.. ma la ferita deve essere molto grande? e il sangue infetto deve essere molto o basta poco di entrambi?
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Certo, la ferita deve essere significativa e non "un graffio con una pianta grassa".

Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Salve, le scrivo nuovamente per esporle a suo parere un fatto possibilmente a rischio.. Qualche mese fa ero a casa della mia ragazza, dopo essermi masturbato sono andato in bagno a pulirmi con la carta igenica, la mia domanda è questa; nel caso in cui la carta igenica fosse stata sporca anche microscopicamente con del sangue infetto da epatite c, venendo a contatto con il mio sperma e glande, io rischio il contagio? La prego risponda presto, sono in un' ansia terribile. tengo a precisare che sul mio glande non vi erano ferite sanguinanti!
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

plachi le sue fobie!

Le dinamiche indicate, se vere, non sono a rischio.

Ora, visti i quesiti da lei sollevati, il mio consiglio è pure quello di sentire in diretta il suo psichiatra di fiducia.

Ancora cordiali saluti.
[#8] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
ha perfettamente ragione dottore, infatti sto iniziando un percorso con il mio psicologo. Volevo chiederle solo un' ultima informazione, un mio compagno per scherzo mi ha dato un morso su un braccio, apparentemente senza uscita di sangue, ma solo apparentemente, poi non so se microscopicamente ne sia uscito, volevo chiedere se c' è qualche rischio di qualche malattia... la ringrazio moltissimo dottore...
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

anche questa sua paura poco motivata, che sembra scatenata da una situazione "innocente", richiede una attenta discussione con il suo psicologo.

Cordiali saluti.