Utente 176XXX
Salve a tutti volevo porgere il mio problema sperando in una soluzione esaustiva.
Vengo subito al dunque... sono un ragazzo di quasi 28 anni che studia e passo quasi il 50% del tempo giornaliero seduto davanti al pc anche per motivi di lavoro.

Da circa una settimana ho accusato un ingrossamento del linfonodo inguinale destro (proprio vicino alla piegatura della gamba)... me ne sono accorto perché avevo un fastidio e dei piccoli dolori in quella zona e al tatto mi faceva male.

Il mio medico mi ha subito prescritto una visita chirurgica e l'ho fatta qualche giorno dopo. Quindi il medico chirurgo l'ha tastato e visionato e ha notato che al gluteo destro avevo un eruzione cutanea a tal punto da poter dire quasi con certezza che fosse un Herpes Zoster (Fuoco di Sant'Antonio).
Quindi la sua diagnosi fu: Un linfonodo inguinale ingrossato di 1,8cm da reazione dovuto a quest'herpes e in più mi ha prescritto una visita dermatologica urgente.

Qualche giorno dopo l'ho fatta e sinceramente parlando il dermatologo non mi ha dato una plausibile soddisfazione però ha confermato quanto detto dal suo collega chirurgo e mi ha prescritto una crema ACICLOVIR e delle compresse TALAVIR da prendere 3 volte al dì.

Ho cominciato la cura ma credo che ci vuole del tempo... solamente che proprio ieri ho notato un fastidio all'inguine sinistro e al tatto ho notato che si sta sviluppando anche il linfonodo, appunto, sinistro e come in precedenza con quello destro mi fa male al tatto (anche se non è ancora grosso come quello destro).

Ora vi chiedo... devo seriamente preoccuparmi e approfondire questa situazione con un'ecografia o al momento posso stare tranquillo e attendo qualche miglioramento (qualora ce ne fosse) all'herpes e di conseguenza ai linfonodi.

Un'altra domanda è: quanto di attinente c'è nell'herpes zoster e i linfonodi inguinali?

Grazie di cuore per la mia comprensione e attendo risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
I linfonodi sono interessati in tutti i processi infiammatori sia batterici sia virali come nel caso dell'herpes. Pertanto prima di procedere ad approfondimenti sarà importante attendere qualche giorno per valutare se la terapia antivirale ottiene miglioramenti.
[#2] dopo  
Utente 176XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la Sua tempestiva risposta... attenderò una settimana per vedere, come dice lei, se ci saranno dei miglioramenti a riguardo...

Le farò sapere senz'altro.

Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Cifarelli
24% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Signore
prima che i linfonodi interessati,ritornano alle dimensioni originarie ci vorra' del tempo.
Pertanto non si preoccupi se non nota una repentina regressione degli stessi.
Esegua la cura prescritta .Distinti saluti

[#4] dopo  
Utente 176XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio anche Lei dott. CIfarelli... continuo tranquillamente la cura e fra qualche settimana almeno per quanto riguarda l'herpes Le farò sapere

grazie ancora.
[#5] dopo  
Utente 176XXX

Iscritto dal 2010
Allora a distanza di circa 2 mesi volevo aggiornarvi della mia situazione

Herpes Zoster quasi del tutto debellato (si vedono ancora poche macchie lievemente scure) però la cosa che mi preoccupa è che i linfonodi ingrossati sono rimasti.

Mi spiego meglio... quello destro sto notando che pian piano si sta sgonfiando mentre quello sinistro sta prendendo piede ed è arrivato più o meno alle dimensioni di quello destro.

Io ora non sto prendendo più niente e sto solamente aspettando che si sgonfino entrambe però mi preoccupo soprattutto del sinistro perché persiste a non voler sgonfiarsi... ma il contrario...

Cosa, secondo voi, potrei fare???

Grazie in anticipo
[#6] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Nel tempo i linfonodi dovrebbero diminuire di volume. Se ciò non dovesse accadere dovra fare un controllo chirurgico.