Login | Registrati | Recupera password
0/0

Dolore cronico spalla e braccio destro.

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012

    Dolore cronico spalla e braccio destro.

    Buongiorno, vorrei sottoporVI il mio caso: mi sembra doveroso premettere che dal 1995 al 2008 per la tipologia di lavoro svolto (macchinista addetto alle fasi di stiro) ho sollecitato, con movimenti orizzontali da dx a sx, continui e costanti, tutta l'articolazione della spalla del braccio e della mano destra. Durante l'anno 2006 ho iniziato ad avvertire indolenzimento e affaticamento all'articolazione spalla/braccio tanto da spingermi a consultare un medico per fare un'eco alla zona interessata. Il referto NON evidenziò nessuna lesione a carico della cuffia dei rotatori, del retinacolo, dei piani muscolo-fasciali, del sovraspinoso e del sottoscapolare, l'ecografista diagnostica una tendinite del sovraspinoso con processo degenerativo. NON ho mai assunto farmaci per via orale, iniziai invece cicli di fisioterapia, uno all'anno, 15 sedute per tre anni (dal 2006 al 2009). Ultrasuoni, ionoforesi, diadinamiche, laser, kinesiterapia.
    Dal 2009 ad oggi non svolgo più il lavoro, che ritengo sia stata la causa di tutto ciò e da allora NON ho fatto più nessun esame, nessuna visita specialistica nessun ciclo di fisioterapia. Ho sempre convissuto con il dolore alla spalla che parte dalla zona posteriore della scapola e si irradia lungo tutto il braccio destro e arriva sino alla mano. Nel periodo invernale il dolore è sempre più marcato e insistente, la funzionalità dell'articolazione, i movimenti di spalla/braccio/mano, NON sono pregiudicati ma durante le fasi di attività, quando viene sollecitata, il dolore aumenta e mi spinge al riposo forzato. Sulla base di quanto riassunto, volevo sapere se era il caso di: a) consultare uno specialista. b) fare degli esami e di che tipo: ecografia, lastre, risonanza magnetica?. c) Riprendere cicli di fisioterapia: quanti e quale? Tecar, laser, correnti, iono, ultrasuoni ? d) Assumere dei farmaci per via orale? quale tipo di farmaco e per quanto tempo e) Infiltrazioni nella zona interessata?. Spero di averVI fornito abbastanza informazioni tali da potermi aiutare, la mia paura è che l'articolazione sia vittima di un processo di degenerazione che in futuro potrebbe peggiorare e di conseguenza limitare movimenti e funzionalità! Vorrei evitare prima di tutto questo aspetto e poi intervenire in modo mirato per diminuire il più possibile il dolore a carico di tutta l'articolazione muscolo-scheletrica che interessa spalla, braccio e mano destra.
    GRAZIE INFINITE per l'attenzione che avete prestato sino ad ora.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 821 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Chirurgia oncologica

    Perfezionato in:
    Ortopedia

    Risponde dal
    2008
    Egregio utente,
    lei è stato molto esaustivo ... complimenti. Veniamo alle sue domande:
    1 - consultare uno specialista = credo che una consulenza dello specialista CHIRURGO DELLA SPALLA sia indispensabile
    2 - fare degli esami e di che tipo: ecografia, lastre, risonanza magnetica = RDX spalla in AP VERA+INTRA ed EXTRA ROTAZIONE+TRASNCAPOLARE PER OUTLET VIEW inoltre sarebbe anche utile una RM
    3 - Riprendere cicli di fisioterapia: quanti e quale? Tecar, laser, correnti, iono, ultrasuoni = per il momento non credo sia utile né prudente continuare qualsiasi terapia prima della visita dello specialista
    4 - Assumere dei farmaci per via orale? quale tipo di farmaco e per quanto tempo e) Infiltrazioni nella zona interessata = anche per quanto riguarda queste domande ritengo che bisogna prima stabilre una precisa diagnosi e poi una precisa terapia.
    Per sua informazione legga anche il link: http://www.medicitalia.it/luigigrosso/news/1461/Le-10-cause-piu-frequen così si può fare un'idea di tutte le problematiche della spalla.
    Mi tenga informato e ... auguri.


    Dr. Luigi Grosso
    Chirurgia Articolare Artroscopica Spalla e Gomito
    www.luigigrosso.net - dr.luigigrosso@gmail.com

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    Egregio Dottore Grosso,
    La ringrazio tanto per i consigli che ho ricevuto, appena possibile faccio gli esami...La terrò informata, ho consultato il link che reindirizza al blog e il Suo sito: bello e interessante, ho letto il curriculum...complimenti.
    Se ne avrò bisogno vengo a Napoli.
    A presto e grazie.



Discussioni Simili

  1. Callo osseo
    in Ortopedia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 06/06/2012, 01:41
  2. Miotens e artrosilene
    in Ortopedia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01/05/2012, 23:51
  3. Piede gonfio da 4 anni
    in Ortopedia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04/08/2012, 22:45
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17/02/2012, 20:01
  5. M. valleix
    in Ortopedia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09/09/2012, 00:01
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,08        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896