Utente 551XXX
Buongiorno.
Scrivo per mio padre di anni 71,in buona salute.
Lo scorso anno ha eseguito una visita di controllo cardiologica con relative analisi del sangue durante le quali e' emerso che aveva un colesterolo HDL a 38 mg/dl con 237 totale.Tutto bene anche il doppler TSA (alcune placche non significative al 20%) cosi' come il test da sforzo.
Pressione arteriosa 140/85.
Farmaci assunti:Zopranol, Zoprazide,Ascriptin compresse,Didrogyl.
Il cardiologo in questa visita raccomando' a mio padre di eseguire giornalmente una moderata attivita' fisica (camminata) per cercare di abbassare l'adipe addominale (112 cm),cosa che lui da allora effettua quotidianamente per circa un'ora.
Al nuovo controllo di questo anno il colesterolo HDL e' andato a 40 mg/dl con 237 totale.Ok il doppler TSA (placche invariate dal controllo precedente).
Pressione arteriosa 130/85.Circonferenza addominale 109 cm.
Farmaci assunti :gli stessi prima menzionati.
Il cardiologo pero' questa volta ha aggiunto le statine (Totalip 10 mg ,una cp al giorno probabilmente da aumentare il dosaggio in futuro),onde abbassare il colesterolo e portarsi a dei valori di sicurezza dello stesso (Totalip per un mese e poi nuove analisi del sangue).Valore di sicurezza in quanto in famiglia c'e' una familiarita' alla coronaropatia (due suoi fratelli).
Il nostro medico di famiglia una volta vista la prescrizione di tale farmaco e' rimasto molto perplesso in quanto a detta sua tale farmaco non era proprio necessario e poteva avere effetti collaterali gravi.Praticamente assumerlo e' piu' un danno che un guadagno.
Sono quindi ad approfittarne della vostra competenza e cordialita' per avere rassicurazioni in merito.Mio padre ha comunque iniziato da 2 giorni ad assumere il Totalip e per ora non ha sentito effetti collaterali.
Mi chiedo....forse con una buona dieta e con l'assunzione di lecitina di soia forse si poteva ovviare a l'assunzione di questo farmaco?
Grazie mille e saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Da cio che lei scrive suo padre ha molti fattori di rischio: ipercolesterolemia, fortissima familiarità, sovrappeso, ipertensione (anche se in trattamento). Bene ha fatto pertanto il suo Cardiologo ad introdurre in terapia una statina, dal momento che, come vede, pur essere riuscito a perdere qualche cm. di girovita, il colesterolo totale e' sempre sopra i livelli di guardia e la frazione HDL piuttosto bassa.
Chi assume statine costantemente, a vita , riduce del 30% il rischio di infarto e del 28% quello di ictus. Anche il suo medico di famiglia dovrebbe esserne sicuramente informato.
Arrivederci
cecchini
www.cecchinicuore.org