Utente 207XXX
Salve. Sono un ragazzo di 18 anni e da poco più di un anno soffro di un problema strano.
Tutto è iniziato con una febbricola che mi ha accompagnato per due mesi circa, con conseguente spossatezza, amplificata anche dal fatto che sono un soggetto ansioso.
Fatti esami su esami, e risulta che non ho nulla.
Da quando la febbricola è svanita però, 5 giorni su 7 mi sveglio con sensazione di spossatezza e brividi, nonostante non sia presente febbre, neanche bassa.
Il tutto passa verso le 18, e aumenta intensamente se la mattina faccio colazione con alimenti pesanti da digerire come i cornetti del bar.
In più, ho notato che con la cadenza di circa una volta al mese, mi viene mal di gola per due giorni, e il terzo mi viene la febbre che sale a 38 e il giorno dopo passa. Questo va avanti da circa 5 mesi.
Esami del sangue ok, urine ok. Manca l' esame delle feci, che ho richiesto perché oltre a completare gli esami generici, ho la sensazione che sia una cosa batterica, ma non essendo un medico non posso confermarlo.
Essendo un soggetto ansioso, il fatto di avere questo problema da più di un anno non mi fa vivere bene, e questo è un grosso problema.
Scrivo per chiedere se febbricola (ormai passata), febbre ricorrente con cadenza mensile e durata di un giorno/due (per il resto non mi ammalo mai) e spossatezza possano essere i sintomi di un batterio, che magari resta silente e si riattiva periodicamente. Può succedere? Grazie in anticipo per un eventuale risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Egregio utente,
è teoricamente possibile che uno stato infiammatorio cronico del faringe (ad esempio su base allergica o irritativa/tossica) possa favorire una colonizzazione clinicamente significativa da parte di agenti infettivi (sia batteri che virus, non deve trattarsi necessariamente sempre dello stesso).
Sarebbe pertanto indicato intervenire, ovviamente dopo opportuna verifica (es. controllo ORL), sugli elementi predisponenti (es. evitare il fumo, curare l'allergia, rimuovere eventuali ulteriori fattori di ostruzione al flusso aereo nasale).
Saluti,