Utente 586XXX
Buon Giorno
Vi scrivo per un aiuto riguardo mia Sorella che in Settembre ha subito un ictus con peerdita della vista all'occhio sinistro.
Dopo una serie di cosulti si riusciti a risalire alla causa dell'ictus, e questo grazie ad un Neurologo del istituto Neuromed.
In breve dopo un esame ECOTRANSESOFAGEO è stata riscontrata la seg diagnosi: Aneurisma del setto interatriale(Tipo 1R, Diametro Long 3cm, Diam. Trasv 1.6 cm), Cribrato con evidenza di duplice shunt sx>dx, (Spazio Ecoprivo di circa 5mm a Livello del RIM Cavale Postero-Superiore e del RIM Anterosuperiore)di lieve grado,senza inversionedello shunt, all'ecocontrasto,durante manovra di valsalvacon modifica morfologica RIM Cavali>5mm
Normali cinesi e dimensioni biventricolari.
Dopo vari consulti con dott. Santoro(Monaldi di NA)e Dott Lonobile(clinica S.anna di Maddaloni)vi sono pareri contrastanti se effettuare o no l'intervento chirurgico. Inoltre mi chiedevo chi è attualmente in italia il maggior esperto di questi casi.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
8% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2004
può essere facilmente inserito un ombrellino per via percutanea per chiudere il difetto.
Personalmente come chirurgo io non chiudo più questi difetti chirurgicamente da parecchi anni e li faccio trattare dai miei emodinamisti...
Circa la bontà dei centri operanti in Italia credo non vi siano grosse differenze tra nord e sud...si tratta di una procedura piuttosto semplice!

cordialmente