Utente 104XXX
Sig. Dottori buonasera!

Vi espongo il mio problema:
Innanzitutto premetto che ho 27 anni, non ho mai fumato, mai bevuto caffè, e bevo pochissimo alcol, solitamente conduco una dieta e una stile di vita normalissimo seguito da una attività sessuale regolare (almeno da febbraio a questa parte).
Circa un annetto fa ebbi dei problemi di scolo con perdite continue e creazione di balanopostite sulla punta del glande e attorno al frenulo.. curai il tutto in modo penso corretto.. dopo un po di tempo si manifesto un leggero dolore/torpore nella zona del testicolo dx (io pensavo a un dolore da sforzo o niente di che comunque).. il dolore andava e veniva.. ultimamente però si è intensificato un tantino.. ho anche un senso di torpore alla gamba, senso di stanchezza, e un dolore (specie fitte) nel basso ventre lato dx (zona appendicite).. e da circa una settimana noto delle perdite dalla punta del pene per lo più trasparenti cristalline e appiccicose (rarissimamente sono un po piu liquide e creano una leggera sensazione di prurito bruciore alla punta).. da poco ho fatto urinocoltura e spermiocoltura risultata negativa sia per germi comuni che miceti (non so cosa si intenda con germi comuni), ho fatto pure una ecografia scrotale che ha evidenziato 3 cisti nella zona dell'epididimo e una presunta infiammazione di quest'ultimo.. L'urologo che mi sta curando ha detto che nn ho nulla, dice che le perdite sono fisiologiche, l'epididimite non la condivide e vuole farmi rifare solamente una ecografia fra 6 mesi per controllare le cisti.. Io però sono rimasto un po' perplesso.. vorrei escludere le infezioni.. vorrei non trasmettere nulla alla mia partner.. sono molto preoccupato e non so come muovermi.... :(

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

premesso che una visita diretta permette l'obbiettività che indica allo specialista quali esami possano servire per una diagnosi corretta. Nel caso specifico se il sospetto era una infezione genitale gli esami culturali potevano indicare una strada, tuttavia per un esame completo servirebbe analizzare oltre ai germi comuni e alla Candida anche i germi intracellulari come la Chlamidia, l'ureaplasma ed il micoplasma, ne parli al suo medico e nel caso ci faccia sapere.

Cordialità
[#2] dopo  
Utente 104XXX

Iscritto dal 2009
si già prescritti.. li devo fare a breve.. urinocolltura e spermiocultura con ricerca gonococco, chlamydie, miceti, micobatteri (cosi c'è scritto in ricetta) devo dire di fare anche il tampone uretrale o questi bastano per escludere infezioni.. in primis voglio preservare i rapporti sessuali con la mia ragazza.. cosi da essere tranquilli e poi valutare se la mia è una infiammazione all'uretra o alla prostata.. mi sa che sia la mia dottoressa che l'urologo si stanno confondendo un po'...

comunque lei è stato cordialissimo.. grazie mille!
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
prima esegua spermiocultura e urinocultura e poi se fossero negativi esegua anche il tampone uretrale. I "micobatteri (cosi c'è scritto in ricetta)" non sono quelli che le ho precedentemente indicato e quindi cercherò di essere più preciso con la ricerca ureaplasma urealiticum e del micoplasma hominis oltre a quelli già suggeriti.

Ancora cordiali saluti