Utente 143XXX
Salve dottori ho un problema E.P il mio urolo mi ha prescritto priligi di usarlo 2 ore prima del rapporto siccome sono 3 pillole e costano 40€ non c' e qualcosa che ti curi definitivamente grazie cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

il Priligy è il primo farmaco sviluppato specificamente per il trattamento dell’eiaculazione precoce, la disfunzione sessuale maschile che riguarda l’incapacità di controllare il riflesso eiaculatorio e di protrarre un rapporto sessuale penetrativo per più tempo. Assunto circa 2 ore prima di un rapporto sessuale, permette di allungare la durata dei rapporti sessuali, portando ad una maggiore soddisfazione sessuale. Segua le indicazioni dello specialista ed eventualmente ci faccia sapere.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Grazie , sicuramente le faro sapere ma la mia domanda e' l ' E. P non si cura? Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
L'eiaculazione precoce, è una disfunzione sessuale della fase dell'orgasmo e va diagnosticata dall'andrologo, a seguito di visita specialistica, poi la terapia si stabilisce di conseguenza.
Vi sono svariati tipi di e.p., anteportas, intrapostas( fuori o dentro l'ambiente vaginale), primaria, secondaria, assoluta, situazionale.
Sarebbe opportuno conoscere lo IELT( tempo di latenza eiaculatoria intravaginale) e le emozioni associate alla sfera della sessualità e della sua dimensione di coppia.
L'approccio terapeutico, potrebbe essere:
counseling psicologico, con un'attenzione particolare alla sessualità.
psicoterapia, terapia di coppia ad orientamento sessuologico,
trattamento integrato( farmacoterapia e terapia mansionale),
farmaco on de mand( cioè al bisogno).
Del farmaco se ne oppupa l'andrologo di riferimento.
ottimale sarebbe però un lavoro mirato e caleidoscopico, adatto alla sua storia clinica e sessuale
Una “diagnosi non completa” ed una terapia che non affronti le cause nella loro globalità, possono costituire , un fattore di mantenimento del disturbo nel tempo, anziché la risoluzione della disfunzione.
Nel mio blog e sito, troverà moltissimo sull'argomento e.p.
[#4] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Dottoressa grazie x le sue info . Lei vorrei chiedere la gentilezza di illuminarmi siccome sono svariati anni che ho problemi di disfunzione e. Finora non ho trovato un medico capace di risolvere il problema adesso sono in cura da un altro medico che mi ha riscontrato una prostatite cronica, un diminuzione di pressione sanguigna nel lato destro del pene. Secondo lei pero al momento non ricordo i nomi con prodotti antifammatori ed una cp calis da 5mg al di posso risolvere mio problema? Grazie cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 143XXX

Iscritto dal 2010
Un,altra curiosità la diminuzione di pressione sanguigna nel p. Viene provocata sempre da prostatite cronica? Grazie
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Cerchi all'interno del nostro portale i nominativi degli andrologi, per un'ulteriore consulenza, la sua città ospita ottimi professionisti.
Chi la seguirà le farà una diagnosi chiara ed una terapia mirata adatta a lei ed alla sua storia clinica e sessuale.