Utente 252XXX
Gentili dottori,
ho 21 anni e ho riscontrato di avere dei problemi, in quanto la mia erezione risulta essere poco potente per avere una penetrazione completa. Due giorni fa sono stato da un andrologo che dopo una brevissima prova con un sensore (non so sinceramente di cosa si trattasse in realtà) mi ha prescritto una cura di un mese a base di proviron e cialis 5 mg, rispettivamente dopo pranzo e cena: tutto questo con il fine di dilatare i vasi del pene. La mia paura è che questi farmaci creino una dipendenza, c'è questa effettiva possibilità o mi sto preoccupando inutilmente? Aggiungo anche che soffro di una leggera fimosi che mi ha detto sarà curata in seguito, e nel frattempo posso avere rapporti.

Vi ringrazio molto in anticipo,
cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
non so cosa sia quel sensore, ma so che il deficit erettivo è il sintomo di problemi circolatori, ormnonali, neurologici, psicogeni o prostatici. Alla fine della visita si fa una diagnosi e la si esplicita alò paziente. E questo non viene detto nel suo post. So inoltre che dare testosterone senza misurarlo nel sangue serve a niente. Peraltro una modesta fimosi può creare impaccio o dolore alla penetrazione e quindi va trattata subito.
Se lei fosse mio fratello le consiglierei di sentire alra campana.
[#2] dopo  
Utente 252XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottore,
innanzitutto vorrei ringraziarla, e affermare che mi sono fatto la sua stessa idea. Tuttavia, mi preme capire se ha un qualche senso dare quello che è a tutti gli effetti un viagra per curare un'impotenza non affatto totale?

Grazie in anticipo, cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

confermo tutti i dubbi, sollevati anche dal collega Cavallini, sul "sensore" e sulle terapie ricevute.

Risenta ora l'andrologo consultato e, se comunque ci sono dubbi sulle indicazioni ricevute, è sempre bene sentire eventualmente una terza "campana".

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli sempre pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html .

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Appartengo a quella categoria di andrologi che ha imparato a lavorare curando la gente senza viagra e compagnia briscola. Per cui veda le cause e poi si ragiona di conseguenza.