Utente 136XXX
Salve, sono un ragazzo di 30 anni, fumatore, in sovrappeso, soffro da due anni di ernia iatale e da qualche mese di colon irritabile.
Porto gli occhiali da quando avevo 3 anni, la causa fu un occhio prigro mal curato dall'oculista dell'epoca che invece di coprire l'occhio buono coprì quello prigro danneggiando dunque anche l'altro occhio.
Oggi sono ipermetroper 4° ad entrambi gli occhi ed astigmatico 3.5 ad entrambi.
Fatta questa breve premessa volevo esporre il problema che mi si è presentato quest'oggi (forse non sarà niente di grave però portando le lenti da quando ero troppo piccolo ho una fissa particolare per i miei occhi).
In pratica questa mattina mi sono svegliato e dopo un pò (tipo una 20na di minuti) l'occhio sx ha cominciato a farmi male.
Mi spiego, praticamente quando chiudo ed apro le palpebre avverto un dolore nell'angolo sinistro dell'occhio, ovvero la parte opposta al condotto lacrimale, e mi da una leggera sensazione appicicaticcia.
Inoltre toccando la parte mi duole un pò, ed il dolore aumenta se "penetro" leggermente nella cavità oculare.
Inoltre ho provato anche a tenere chiuso l'occhio sinisto ma quando chiudo ed apro quello destro il dolore si ripresenta comunque all'occhio sinistro (probabilmente potrebbe essere una infiammazione?)
Ho provato ad informarmi su internet ma non ho trovato nulla di soddisfacente ed è questo il motivo che mi ha spinto a contattarvi.
Intanto ho preso un antinfiammatorio visto che ho un pò di mal di testa, con la speranza che si tratti di una leggera infiammazione visto che stanotte è stata una nottata molto fresca (p.s. vivo in america).
In attesa di una risposta auguro buon lavoro a tutti voi e grazie ancora per la mano che ci date su questo sito.
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Citroni
28% attività
8% attualità
16% socialità
DARFO BOARIO TERME (BS)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2011
Penso che possa trattarsi di una congiuntivite cosiddetta " angolare ", cioè che coinvolge l'angolo esterno di un occhio: è normalmente, di natura irritativa, da agenti esterni, tipo polvere, vento, piccoli corpi estranei ecc. Consiglierei un controllo oculistico o, visto che si trova in USA, un antiinfiammatorio in collirio tipo diclofenac o simili e non cortisonico se non dopo controllo oculistico.
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dottore per la risposta, probabilmente come lei dice, era una congiuntivite di natura irritativa.
Come anticipato nel messaggio ieri ho preso un antinfiammatorio per il mal di testa e devo dirle che dopo un oretta circa il dolore all'occhio è scomparso e non si è ancora ripresentato.
Senza ombra di dubbio quanto prima farò una visita oculistica (il tempo di trovare una buona assicurazione sanitaria) anche perchè non molto tempo addietro ho avuto due volte, un problema all'occhio destro nella zona del condotto lacrimale, in pratica a distanda di mesi tra un episodio e l'altro, avvertivo un forte dolore misto a bruciore (come se mi infilassero un ago) e l'ultima volta fu accompagnato da un forte dolore alla testa, tanto che mi spaventai ed andai al pronto soccorso.
Li parlando con i medici del problema e del forte dolore di testa scaturito dalla puntura all'occhio in primis mi fecero una visita veloce agli occhi (al buio puntandomi una luce negli occhi) poi mi iniettarono una soluzione intramuscolo per calmare il dolore di testa dopo di che mi fecero una sorta ti tac per vedere se ci fosse sangue alla testa (pensavano forse a qualche problema più grave)
Alla fine la loro diagnosi è che soffro di una forte emicrania (infatti ogni giorno si presenta il mal di testa, a volte leggero altre volte pesante) anche perché mentre mi visitarono averrtii un forte fischio all'orecchio e cominciò anche a girarmi la testa (cosa che comunque voglio approfondire)

Comunque lei pensa che quel dolore di puntura nell'occhio possa effettivamente essere collegato ad una forma di emicrania? O magari si tratta esclusivamente di qualche episodio isolato, magari proprio per qualche microscopico corpo estraneo?

Un'ultima domanda che forse le sembrerà sciocca o ALLUCINATA ma...è normale quando fisso lo sguardo su un oggetto o immagine cominciare a vedere su entrambi gli occhi come degli scintillii bianchi muoversi come e fosse una pioggia di stelle cadenti provenienti da tutte le direzioni e vedere anche forme che ricordano le cellule embrionali (cerchietti praticamente) tutte connesse tra loro formando varie forme non mobili (nel senso che la forma rimane fissa e non cambia, l'unico momento in cui si muove è quando chiudo e riapro le palpebre)...forse si tratta di polvere o altri microscopici corpi estranei che si posano sugli occhi..ma proprio non capisco come è possibile che io riesca a vederli.