Utente 174XXX
Buonasera,
scrivo per conto di mio figlio di 2 anni e sette mesi.
Da circa un mese e mezzo ho notato che gli si sono spaccati entrambi i lobi delle orecchie.
Ho portato il bambino dal Pediatra, il quale mi ha detto che potrebbe essere solo un problema di cattiva alimentazione e mi ha consigliato di eliminare quanto piu possibile gelati, caramelle, merendine etc; anche se noi genitori non gliene abbiamo mai fatto abusare e il biambo ha un'alimentazione sana anche se fa un uso smisurato di latte (5/600 g al giorno.)
Qualche settimana fa, mio figlio è stato investito da una bimba con la bicicletta ed ha riportato una piccola escoriazione sotto il mento e nei gironi a seguire è stato punto da un insetto sulla guancia; quasi sicuramente una zanzara.
Nel giro di pochi giorni tutte le ferite, comprese quelle ai lobi si sono infettate seriamente ed abbiamo dovuto aggredire l'infezione con una pomata antibiotica per 10gg x4 volte al giorno e una cura antibiotica orale.
Nel giro di tre/quattro giorni le ferite miglioravano e ad oggi (sono passate due settimane) ci sono ancora le croste ma le ferite dei lobi alle orecchie sono ancora visibili ed umide.
Potreste cortesemente fare un'anamnesi anche approssimativa e/o indirizzarmi verso un percorso valido per la risoluzione del problema?
Crede sia indispensabile far fare delle analisi del sangue?

Grazie anticipatamente

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
Mi dispiace dover contraddire il Collega ma le merendine e le caramelle non sono certo in grado di causare i sintomi da lei descritti. Le consiglio di rivolgersi con sollecitudine ad un dermatologo: ci sono condizioni cutanee che possono determinare sintomi di questo tipo e devono essere diagnosticati con precisione. Ci è impossibile fare una diagnosi a distanza, come ben può immaginare, ma genericamente le posso fare gli esempi della psoriasi e della dermatite atopica che possono dare localizzazioni ai lobi auricolari. Tanto per fare solo degli esempi, ovviamente, ma per ribadire che lo specialista è necessario.
Cordiali saluti