Utente 169XXX
Buongiorno
cerco di spiegare bene e meglio la mia situazione rispetto ad un precedente consulto in cui non ora ho a disposizione piu' dettagli.
Premetto che non fumo, non bevo e non lavoro o vivo in un ambiente polveroso e sporco.

Da anni ormai, ho un problema alla gola che mi porta a ''tossire'', o meglio schiarire la gola in continuazione, come se avessi della saliva in gola. Cio' accade in ogni momento della giornata, sia dopo aver mangiato o bevuto qualcosa, sia senza necessariamente che abbia mangiato qualcosa.
Secondo il mio medico di base le cause possono essere due: deviazione del setto nasale che causa un minimo di scolo del muco in gola oppure un reflusso gastoesofageo che irrita la gola. Per quanto rigarda il reflusso provai a prendere del gaviscon ma non ha risolto nulla.
Sono invece poi andato a fare una visita dall'otorino e questo è l'esito dell'esame:
CUE: LIBERI BILAT
MMTT: INTEGRE E LUCIDE
FOSSE NASALI LIBERE
SETTO DX CONVESSO
OROFARINGE DI NORMA
LIEVE IPEREMIA DEL FARINGE POST
BASE LINGUA INDENNE
IPOFARINGE INDENNE
C.V. MOBILI E NORMOTESE
COLLO: NON ADENOPATIE

L'otorino mi diede da prendere delle pastiglie da succhiare ialoclean, dell'antinfiammatorio seractil e da prendere dello sterimar.
Tutto questo non è servito a niente e il problema persiste e la causa di questo fastidio ancora non l'ho capita.
Ritornando dal mio medico di base recentmenete, ha trovato la mucosa nasale ingrossata, mi ha dato da prendere dell'avamys per 3 settimane e adesso la mucosa è molto meno ingrossata.

Siccome la causa di questo problema potrebbe essere lo scolo del muco in gola e siccome sono sempre un po' leggermente raffreddato tutto l'anno, ho pensato che potrei essere allergico a qualcosa che causa un continuo minimo raffreddore e ho chiesto al medico per un'impegnativa per un esame allergologico per rinite cronica.Anche se non credo di essere allergico a niente o almeno non ho sintomi comuni come occhi rossi o starnuti.

La visita pero' sara' tra 6 mesi. Nel frattempo vorrei avere qualche consiglio su cos'altro potrei provare a fare.
Grazie


[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Concordo con il suo medico che la necessità di tossire possa essere legata a un reflusso oppure ad un problema ORL, diretto o indiretto (allergia = scolo nasale posteriore). In attesa di chiarire la problematica ORL credo possa essere utile una terapia adeguata per il reflusso con antisecretivo ma dose piena per 60 giorni.

Una domanda: la sua respirazione notturna avviene preferenzialmente per via nasale o per per via orale ?


Cordialmente



[#2] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Grazie dottore per la Sua riposta.

Di notte respiro dal naso, tendo a russare anche un po'.

Quindi mi consiglia di provare di nuovo un prodotto come il gaviscon? E' un antisecretivo ? Oppure il riopan?

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
VIBO VALENTIA (VV)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Deve procedere con gli antisecretivi (omeprazolo, lansoprazolo,rabeprazolo, pantoprazolo, esomeprazolo) a dose piena per 60 giorni ma su prescrizione del suo medico.


Saluti