Utente 589XXX
Gentili dottori salve a tutti,
ho notato che la curvatura del mio pene e cresciuta (la curvatura è verso il sasso e verso destra). Negli slip io l'ho sempre tenuto rivolto verso il basso (cioè sui testicoli), poi un 10-12 anni fa l'ho messo per un periodo rivolto verso l'alto e la curvatura verso il basso diminuì. Bene... ma per me era una situazione di fastidio e ripresi a metterlo verso il basso. Di recente invece a seguito di una botta al testicolo sx l'ho messo per circa un 1-2 mesi verso l'alto. All'inizio tutto bene, col tempo essendo flaccido si piegava e tornava giù da solo. Io pensavo che si fossero allargati un pò gli slip per i lavaggi, ma da un paio di mesi ho capito e notato che la curvatura verso destra del mio pene era cresciuta.

E' normale che cambia anche il pene?

Può dare problemi? e/o dipendere da qualche patologia?

Soprattutto cosa posso fare per contenere/ridurre l'incurvatura?

In fine qual'è la posizione più corretta in cui tenere il pene? e casa è meglio slip o boxser?

Grazie per le vostre gentilissime risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,
la sua storia clinica presenta dettagli curiosi che meritano comunque una attenta valutazione clinica diretta da parte di un specialista prima di arrivare a comprendere per bene il suo problema e soprattutto prima di pensare ad una particolare strategia terapeutica. Se posso poi darle un consiglio molto generale è sempre bene tenere il pene "verso l'alto" ed, appena possibile, consultare un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

una curvatura congenita del pene non può essere modificata dall posizione con cui si tiene l'asta sotto gli indumenti mentre possono manifestarsi variazoni della curvatura stessa il funzione della attività erettile, masturbatoria o sessuale.
Si faccia vedere da uno specialista andrologo-chirurgo che possa analizzare il problema e suggerire le soluzioni più adatte
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 589XXX

Iscritto dal 2008
Buon pomeriggio a tutti.
Prima di tutto ringrazio Lei dott. Beretta, e ringrazio Lei dott. Pozza per la disponibilità e la cortesia nell'espletare questo servizio ed in particolare per avere risposto a questa richiesta, ringrazio altresì gli altri dottori che esprimeranno il loro parere successivamente a questa risposta.

Ancora una cosa:
come posso abbituarmi a tenera l'asta rivolta "verso l'alto" in MANIERA E POSIZIONE CORRETTA, senza una sorta di continuo fastidio fisico e psicologico, ed in particolare evitando che il pene quando è a riposo, spontaneamente, scivoli fino a riposizionarsi nuovanente verso il basso? esiste in commercio qualcosa che possa servire a tale scopo? per esempio in ortopedeia si usano torcia di gesso, stecche per le dita, collari ecc. in andrologia e prevista una cosa del genere?

Ancore grazie ed un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
per il "disturbo" da lei riferito basta una mutandina elastica contenitiva che può trovare in qualsiasi negozio di indumenti sportivi. Detto questo è chiaro poi, che se si ha una curvatura del pene tale da creare problemi alla propria attività sessuale bisogna consultare un esperto chirurgo e con lui valutare una correzione di tipo chirurgico.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

[#5] dopo  
Utente 589XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dott. Beretta grazie del suo intervento,

In merito alla curvatura preciso che non è tale da recare pregiudizio al rapporto penetrativo, (non l'hò mai visto come un problema, non mi ha mai dato probliemi) è solo una cosa psicologica dovuta al fatto di vedere mutato il mio apparato sessuale, e di abituarsi a sensazioni diverse, sia nei rattorti, sia negli slip.
Comprerò come da Lei suggerito delle mutandine elastiche contenitive, e presto, forse la settimana prossima, prenoterò una visita andrologica, ora sto ancora assumendo antinfiammatori per la botta al testicolo sx di cui ho fatto cenno in precedenza.

Vorrei cambiare andrologo perchè il dolore al testicolo permane, sono interessato ad ottenere un altra diagnosi, in questo sito ho visto che all'utente 8783 (presumo mio conterraneo - Napoli)nel marzo 2006 fu consigliato il Prof. Vincenzo Mirone, ho anche trovato il nome del Prof. Ciro Mauro, ed altri dott., chi mi consigliate per risolvere i due problemi? e in quale ospedale prestano servizio?

cari saluti a voi tutti.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
se il disagio è psicologico può essere, anche questo fattore, una indicazione all'intervento di "raddrizzamento" , purtroppo le mutandine, in questo caso, non sono la terapia consigliata.
Comunque solo l'andrologo che la valuterà in diretta potrà darle le indicazioni precise del caso. Per avere poi le giuste indicazioni sul nome dello specialista da consultare provi a sentire anche il suo medico curante.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#7] dopo  
Utente 589XXX

Iscritto dal 2008
Buona sera dott. Beretta
purtroppo il mio medico di base si limita a scrive la ricette e invita a presentarsi all'ospedale a noi più vicino, a questa domanda, posta più volte non ha mai risposto.
Così chiesi ad un altro medico di base, conosciuto di recente, che pur non essendo tenuto, mi consigliato un diverso antinfiammatorio e un andrologo che però esercita privatamente. Da internet ho visto che quest'ultimo fa terapia di infertilità di coppia, quindi non so se è il più adato.
Comunque Le/Vi farò sapere fra un pò.
Vivissini saluti, e ancora un grazie.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Altra possibilità è quella di consultare il sito della Società Italiana di Andrologia.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

[#9] dopo  
Utente 589XXX

Iscritto dal 2008
salve Dott. Beretta, scusate se rispondo solo ora, ma ci sono stati problemi con la connessione.

Scusi la domanda ma il sito qual'è?
forse è http://www.andrologiamedica.org/

Un cordiale saluto.
[#10] dopo  
Utente 589XXX

Iscritto dal 2008
Salve!
Grazie ugualmente, l'ho trovato da una ricera nel web.
Le farò sapere..........
Un cordiale saluto.
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
A questo punto attendiamo suoi futuri aggiornamenti .
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

[#12] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
colgo l'occasione per segnalare che dal 10 al 15 marzo ci sarà la settimana di prevenzione andrologica per cui è possibile effettuare visita andrologiche gratuite presso i centri che aderiscono all'iniziativa
basta consultare il sito www.andrologiaitaliana.it consultando i centri che aderiscono
[#13] dopo  
Utente 589XXX

Iscritto dal 2008
Buon pomeriggio a tutti.

Gentile Dott. Benedetto La ringrazio per la premura dimostratami; Ho già consultato l'elenco, domani in orario di ufficio chiamero, il suo suggerimento casca proprio a pennello.
Non mancherò di aggiornarvi.
Grazie Dott. Beretta di leggere sempre i mie aggiormanenti.

Cordiali saluti Dott. Benedetto, cordiali saluti Dott. Beretta,
cordiali saluti a tutti, medici e staff.
[#14] dopo  
Utente 589XXX

Iscritto dal 2008
Eccomi ancora qui, salve a TUTTI!

Con l'occasione della settimana di prevenzione, oggi sono stato a fare la visita, ho scelto un centro di primo ordine, con medici assai rinomati.
In realta, da quello che ho capito, questi dottori nell'ambulatorio non vanno mai, i loro nomi risultano fra quelli delle persone disponibili all'iniziativa, ma di fatto ci sono i loro colleghi, cioè COLLEGA! e si! mi sono ritrovato una giovane dottoressa forse neanche 35enne, molto molto attraente, assai seducente, degli occhi......(grandi, neri), uno sguardo sensuale, profondo e movenze che incantano.
DI FATTO SONO ANDATO IN CRISI! mi sono detto: ma sono scherzi da farsi? ad avvisare niente? Spero di non fare QUALCHE figuraccia!
Ho visto tre pazienti defilarsi e andati via, di cui due giovani.

In realtà già dalle prime chiacchiere mi ha messo a mio aggio, non sembrava ne "LA DOTTORESSA", ne la "BELLONA", sembrava che stessi parlando con la mia ragazza, una amica di vecchia data, specie durante la visita, non sono mancate reciproche battute, ma sempre nel rispetto della/e persona/e e dei ruoli. Ho visto vivere lo slogan "una amica a cui far visita"

Per quello che concerne l'incurvatura del pene mi fa: riesci a penetrare? rispondo: si! in tutte le posizionise! fa lei: eh..... bene! allora fallo! usalo!
Per quello che concerne invece il trauma testicolare io ripetevo che ci sono ancora dei postumi, lei a dire sto vedendo, non hai proprio niente!

Veramente vorrei consultare ancora un'altro dottore, cosa ne pensate?
Se si, posso ancora farlo a mezzo della settimana di prevenzione?


ATTENZIONE: Non sto dicendo che la dott.sa non era competente, però resto della mia opinione, e poi in medicina anche un vecchio ed esperto dottore in prima anali potrebbe errare! vero?

Attendo un Vostro suggerimento.
A TUTTI buona notte.