Utente 183XXX
Buonasera, sono una ragazza di 22, avevo già chiesto aiuto qui quando soffrivo di attacchi di panico, ora quasi del tutto superati;comunque è la seconda volta nell'arco di qualche settimana che mi succede una cosa che un po' mi spaventa; la sera, stesa a letto, iniziano a venirmi delle extrasistole, una ogni due/tre minuti, il tutto per un 45 minuti, finche poi mi addormento tranquilla per tutta notte.
Io soffro di reflusso gastroespfageo che spesso mi causa grosse e fastidiose quantità di aria nello stomaco (e generalmente quando mi venivano le extrasistole -ma soltanto una non così tante- coincideva con questo gonfiore), ho forti problemi di cervicale e, nonostante gli attacchi di panico siano spariti, ogni tanto un po' di ansia c'è!
Ho fatto un anno e mezzo fa visita cardiologica, elettrocardiogramma, ecocolordoppler e test da sforzo dove mi hanno trovato un prolasso con lieve insufficienza e un tempo di recupero del ritmo cardiaco dopo lo sforzo un po' elevato, ma mi hanno detto nulla di preoccupante; ora vorrei sapere se questi episodi extrasistolici siano preoccupanti e se è consigliato un holter delle 24 ore.
Ringrazio tanto per il tempo dedicatomi in questi anni e porgo cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
I Suoi sintomi possono essere con molta probabilità correlati al reflusso, specie perchè essi insorgono prevalentemente in posizione orizzontale (a letto).
Dato che è già stata esclusa la presenza di patologie cardiache organiche, l'esecuzione di un ECG Holter avrebbe il solo scopo di documentare la distribuzione oraria degli episodi aritmici, confermando così l'origine "digestiva" della sintomatologia e suggerendo al curante l'opportunità di iniziare (o continuare) una adeguata terapia della malattia da reflusso gastro-esofageo.
Cordiali saluti