Utente 238XXX
Buongiorno ho 36 anni e da qualche anno ho problemi di erezione,ho fatto diverse visite andrologiche ed esami in cui in passato mi veniva misurato il testosterone libero che non superava i 15pg/ml e ultimamente il totale che si attesta sui 2-2.2 ng/ml mentre le altre gonadotropine sono nella norma a giudizio dell'ultimo andrologo a cui mi sono fatto visitare.il testosterone totale e'molto basso,anni fa feci una visita andrologica e mi fu dato il testogel che mi aumentava un po' la libido ma mi aveva fatto ingrassare e dolori prostatici,ora mi e' stato prescritto il vardenafil,i risultati sono buoni ma anche qui diventa un rapporto programmato e non spinto dal desiderio personale piu' gli effetti collaterali come vampate di calore mal di testa difficolta' orgasmiche,vorrei sapere se ci sono prodotti o forme di testosterone con meno effetti collaterali o altre soluzioni terapeutiche anche perche' i medici che ho conosciuto vedono solo come soluzione il viagra ecc.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

prima di ricorrere ai farmaci pro-erettivi che lei ha citato merita piuttosto capire perchè c'è un deficit di testosterone.
magari dalla causa di un disturbo o di una evidenza di laboratorio alterata si può passare ad una terapia causale e quindi curativa.

di certo esistono in commercio diversi preparati di testosterone che possono adattarsi molto bene al paziente ma resta sempre un elemento che deve esser concordato tra paziente e medico.

perciò, ritengo utile partire dal perchè il testosterone è basso, poi capire se ci sono fattori di rischio per un deficit di erezione a genesi vascolare-circolatoria e poi impostare la terapia.

cordialità
[#2] dopo  


dal 2015
Sono risposte che non ho mai avuto dai medici,non ho mai fatto l'ecodoppler dinamico,il monitoraggio delle erezioni notturne che sono assenti,tra l'altro cosa che ho notato e' che dopo l'uso del vardenafil l'erezione migliora per qualche giorno poi torna a non rispondere piu' agli stimoli,per quanto riguarda il testosterone mi hanno sempre detto che ha un importanza limitata,dipende tutto dalla testa insomma per loro e' un fatto di testa quando invece ho cominciato ad avere problemi dopo i 30 anni,se fosse la testa li avrei avuti anche prima
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

è pur vero che la funzione ormonale è molto delicata e gli stimoli che gravano sui centri di regolazione degli ormoni sessuali sono in parte difficili da codificare, tuttavia resta sempre utile valutare se è utile approfondire con altri accertamenti....

consideri che i farmaci pro-erettivi sono poco utili se in circolo non c'è un normale equilibrio ormonale....anche se ogni soggetto può avere anche risposte variabili ai farmaci..


cordialità
[#4] dopo  


dal 2015
Si in effetti non cambiano di granche' le cose,gli accertamenti di cui parla quali sono?in passato prima dell'avvento del viagra cosa si dava?magari vecchie ricette funzionano meglio delle nuove
[#5] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

va valutato l'equilibro ormonale del paziente con il calcolo del testosterone biodisponibile...magari anche valutando la funzione tiroidea.

poi eventualmente gli esami ecografici del pene...comunque nelle more delle osservazione dello specialista che la visita.

perciò è opportuna una visita specialistica...

prima del sildenafil si utilizzavano farmaci ormai desueti.....

cordialità