Utente 254XXX
Gentili dottori, da quando sono nato sono affetto dal PE di media entità.
Volevo chiedere le principali differenze fra la tecnica di Nuss e di Ravitch, soprattutto dopo quando tempo, potrò tornare a fare sport come adesso (non ho problemi respiratori o cardiaci e il petto è simmetrico)
Grazie mille.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Claudio Andreetti
40% attività
16% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Tecnica di Ravitch: intervento chirurgico classico con sezione chirurgica delle aree sterno-costali deformi. Tempi di recupero dai 30 ai 45 giorni dipende da quanto vasta è la zona da trattare. Tecnica di Nuss: posizionamento di una barra metallica trans-toracica tramite 2 incisioni toraciche laterali standard: la barra va tenuta per un periodo non inferiore ai 2 anni e poi rimossa. Tempi di recupero variabili da 20 a 60 giorni.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 254XXX

Iscritto dal 2012
grazie per la risposta dottore.
Ancora una cosa..
Nel caso scegliessi la tecnica di Nuss, nel periodo in cui terrò la barra metallica, posso praticare sport, tipo il calcio oppure fare palestra?
[#3] dopo  
Dr. Claudio Andreetti
40% attività
16% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Si certo puoi fare tutto;sai l'unica complicanza è lo spostamento della sbarra molto più frequente dopo il primo mese.
[#4] dopo  
Utente 254XXX

Iscritto dal 2012
Questa è una notizia fantastica!
in cosa consiste lo spostamento della barra? Può essere anche grave, e mettere a rischio la vita, o fa tornare il petto come prima?
[#5] dopo  
Dr. Claudio Andreetti
40% attività
16% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Bè mettere a rischio la vita no, però dare fastidi come dolore, febbre, ecc. ecc si. Oltra al fatto che se si sposta torna il petto escavato e tu ti devi ripoerare.
saluti
[#6] dopo  
Utente 254XXX

Iscritto dal 2012
E nel caso della tenica di Ravitch, invece, dopo i 45 giorni riprende la vita di sempre senza complicanze?? E inoltre non c'è bisogno di una seconda operazione per togliere eventuali barre, oppure possibilita che il petto escavato ritorni?
Grazie ho finito dottore.
[#7] dopo  
Dr. Claudio Andreetti
40% attività
16% attualità
16% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Ragazzo mio devi capire che questi interventi non nascono come fenomeno estetico:non stiamo parlando di un intervento di mastoplastica per un seno troppo piccolo o troppo grande o una rinoplastica per avere un naso alla francese. L'esigenza dell'intervento tipo Ravitch nasce dalla necessità di trattare gravi malformazioni della parete toracica, dove il cuore viene letteralmente schiacciato tra colonna e sterno. Oggi di queste malformazioni se ne vedono sempre meno grazie anche al miglioramento della qualità della vita. Le lievi alterazioni sterno-condrali che il chirurgo oggi studia sono quasi sempre esenti da disfunzioni cardio-respiratorie, quindi sono puramente un problema estetico. Nuss o Ravitch: sono interventi chirurgici importanti con i loro pro e i loro contro:il paziente deve essere valutato al centimetro (e non è un gioco di parole) deve eseguire una TAC, ecc ecc, e sarà poi il chirurgo a suggerire qyale tecnica usare (nuss o altro) e non il paziente: qui non si sta scegliendo una protesi mammaria numero 3 o 6, qui si sta decidendo di cambiare la morfologia strutturale del proprio torace introducendo tra cuore e sterno una barra metallica lunga diversi centimetri o rimuovendo strutture costo-sternali. Tutto questo per farti capire di pensarci bene quando guardandoti allo specchio credi che forse sia necessario un make-up!
Saluti
[#8] dopo  
Utente 254XXX

Iscritto dal 2012
Parole sante, grazie mille per avermi aiutato a scegliere. Altrimenti probabilmente mi sarei trovato con 2 anni di dolori inutili.
[#9] dopo  
Dr. Guglielmo Mario Actis Dato
44% attività
4% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile utente, può vedere di seguito il seguente Minforma relativo alle sue questioni e dubbi:

http://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-toracica/384-pectus-excavatum-tecniche-correzione.html

cordialmente