Utente 254XXX
salve
sono un ragazzo di 23 anni e da un paio di anni noto una frequente caduta dei capelli (più accentuata in alcuni periodi che in altri).
inizialmente sono andato da un dermatologo che, dirandomi semplicemente 2 capelli, mi ha detto di prendere per un anno "propecia" in uniona a una lozione "minoxidil 2%"....
dopo un anno non ho notato grossi cambiamenti e, andando da un alto dermatologo, mi è stato consigliato di smettere col propecia e, vedendo la presenza di lievi croste (molto simili a forfora) mi è stata data una schiuma da mettere finchè non fosse passato il fenomeno delle croste e succcessivamente mi è stato detto di usare il "minoxidil al 5%"....
nell'ultimo periodo ho però evitato di mettere qualsiasi prodotto per evitare di stressare i capelli, ma la cosa che noto maggiormente è che, oltre alla caduta, i capelli diventano oliosi nel giro di mezza giornata, il chè mi porta anche fastidio.. vorrei sapere cosa potrei fare e se la caduta è legata in alcun modo al fatto che i capelloi siano cosi oliosi

grazie
[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
8% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
il mio parere non sarà certamente più autorevole rispetto a quello dei Colleghi che l'hanno visitata direttamente. Posso genericamente raccontarle come spesso i sintomi di cui lei riferisce siano determinati da un effetto degli androgeni sulla cute. Gli ormoni maschili determinano la caduta dei capelli ed una maggior produzione di sebo. L'iperseborrea può, a sua volta, favorire la comparsa della dermatite seborroica, quella condizione caratterizzata dalla presenza di prurito e desquamazione al cuoio capelluto.
A meno di non togliere gli androgeni, cosa che non penso lei gradirebbe, possiamo controllare questi effetti con diversi prodotti. E qui entra in gioco il dermatologo che la dovrà seguire modulando di volta in volta i preparati a nostra disposizione in base allo stato della sua cute. Per la caduta l'accoppiata finasteride e minoxidil 5% rimane la più collaudata e supportata da letteratura internazionale. La finasteride blocca la produzione di ormone maschile attivo a livello dei tessuti periferici senza togliere comunque alcunché all'assetto maschile. Sappiamo che vi sono soggetti che non rispondono alla finasteride. Pertanto se dopo un anno di assunzione del prodotto non ha notato alcun cambiamento potrebbe essere tra questi.
Spero di averla aiutata un po' nel comprendere il fenomeno: per ogni altra indicazione le raccomando di fare sempre riferimento al suo specialista.
Cordiali saluti