Utente 230XXX
wbc (leucociti) 10.35 (4-10)
mhc (contenuto emoglobinico medio) 33.2 (27-33)
mpv (volume piastrinico medio) 6.99 (7.4-10.4)
eosinofili% 6,74 (0-5)

ci può essere un infezione o qualcosa?
oppure sono valori troppo poco fuori dai parametri?

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Sono valori nei limiti. Quali sono invece i motivi per gli esami fatti. Semplice routine o altro ?

Saluti

[#2] dopo  
Utente 230XXX

Iscritto dal 2011
li ho fatti perchè a differenza dei medici sostengo di avere l'appendice infiammata o qualcos'altro...i dolori sono principalmente nella zona dell'appendice; le fitte vanno e vengono e non sono molto dolorose. a volte le sento anche nella parte bassa della schiena, più verso destra, a volte l'interno coscia destro, a volte all interno dell anca e a volte tra l'anca ed il pube...ora io nn so cosa dire, visto che per il mio medico curante nn è assolutamente appendicite, ho deciso di sopportare. ho fatto anche l'ecografia totale addome ed è risultata negativa

lei mi ha risposto subito e con interesse. grazie di cuore
[#3] dopo  
Dr. Roberto Rossi
40% attività
16% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
La diagnosi di appendicopatia è una diagnosi prettamente clinica in quanto solo l'appendicite acuta fa siche aumentino i parametri che indicano infiammazione( globuli bianchi.VES,PCR ecc.) nelle forme sub acute tali esami risultano poco onulla alterati,ma ciò non esclude che vi possa essere dolore omalessere generale. È pertanto la visita da parte dello specialista chirurgo che deve essere dirimente.
[#4] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Egregio, non posso che confermare quanto ha detto pcedentemente il collega. Il consiglio è quello di rivolgersi ad uno specialista (chirurgo, gastroenterologo) che possa indirizzarlo verso la corretta diagnosi perchè dagli esami ematici difficilmente può venire un aiuto sulla natura del distubo.

Cordialmente

[#5] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Di corpo come va?
[#6] dopo  
Utente 230XXX

Iscritto dal 2011
mi sembra normalmente...sono un fumatore e bevo molti caffè, credo che questi due fattori abbiano determinato un ritmo ormai consolidato come frequenza. forse in questo periodo la frequenza è diminuita un attimo, ma difficilmente passa un giorno senza che succeda...ha qualche intuizione?