Utente 388XXX
Buona sera,
mia moglie è risultata positiva allo streptococco agalactie a seguito di tampone vaginale e cervicale. Il ginecologo ha prescritto una terapia antibiotica ad entrambi. Se eseguo una spermiocoltura e risuto negativo posso evitare di assumere antibiotici?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

in realtà la colonizzazione da Streptococcus agalactiae del tratto genitale femminile è una situazione piuttosto frequente, e non è da considerarsi come una condizione patologica, infatti il germe vive abitualmente nell’intestino e può facilmente colonizzare le vie genitali.

Tuttavia il ginecologo vista l'obbiettività e la carica batterica presente nell'esame culturale di sua moglie avrà giustamente valutato di procedere con una terapia antibiotica che per prevenzione dovrebbe eseguire pure lei.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 388XXX

Iscritto dal 2007
Gent.mo Dr. Moretti,
la ringrazio per la celerità nel rispondermi. La mia perplessità nell'assumere gli antibiotici è dovuta al fatto che:
- sono sempre risultato negativo allo streptococco agalactie anche quando mia moglie era positiva;
- non vorrei compromettere il mio liquido seminale in previsione di una imminente FIVET;
- non basterebbe una ennesima spermiocoltura per esonerarmi dall'assunzione di antibotici?
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

se la situazione è quella che ci racconta, va da sè che una spermiocultura con rapporti coperti è la cosa più indicata.

Cordialità