Utente 255XXX
Buongiorno,mio suocero ha avuto un TIA il 22/5/2012 risoltosi velocemente.Il problema si e' ripresentato ed e' stato ricoverato nuovamente il 07/06/2012,hanno cambiato la cura per fluidificare il sangue con una piu' potente,mi scuso ma non so dare indicazioni sulle medicine,ma ha avuto oggi 11/06/2012 un nuovo episodio ischemico,anche questo risoltosi;ha eseguito RMN e EcoDoppler,non si notano restringimenti,ma numerose placche,il primario dice che non si puo' o non vuole operare,e che deve studuare bene le arterie prima di decidere il da farsi,dato che anche la cura adottata e' potenziata al massimo e oltre si rischierebbe emorragia.
Il primario sembra molto bravo ,ma un consulto in piu' ci tranquillizzerebbe moltissimo.Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mario Forzanini
24% attività
0% attualità
16% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2002
per trattare una stenosi carotidea occorre essere sicuri che sia la causa degli attacchi ischemici, i quali però possono avere svariate cause; da quelle cardiache a quelle ipertensive, da cause coagulative ad eventi ischemici localizzati.
Quindi un atteggiamento prudenziale relativo alla terapia delle placche carotidee è in casi simili più che corretto.