Utente 194XXX
Gentili dottori, sono un ragazzo di 18 anni che 5 giorni fa si è sottoposto ad un intervento di turbinosettoplastica. L' intervento è andato bene solo che ho avuto e sto avendo molti disagi relativi all' anestesia.

Ho vomitato tutta la prima notte circa 15 volte senza chiudere occhio con conseguente infiammazione della gola (ora passata) ed ho avuto tachicardia continua (110 - 120). Tuttora ho i battiti a 95 a riposo e intorpidimento generale. Inoltre prendo sonno difficilmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Gentile utente, il vomito post operatorio nella prima giornata può essere spesso presente e non è una complicanza dell' anestesia generale bensì un effetto collaterale, variabile da individuo a individuo, ben controllabile con terapia farmacologica.
Per quanto riguarda la tachicardia che ora sembra essersi risolta è probabile che nei prossimi giorni si riduca ancora fino a tornare alla sua frequenza base (che non ci dice qual'è di solito). Potrebbe specificare meglio se ha disturbi del sonno e soprattutto la notte ha incubi o si sveglia dopo poco improvvisamente? Vi sono altri sintomi (es. peggioramento della tachicardia la notte, affanno e stato ansioso) che prima non aveva? Rimaniano in attesa di una sua risposta.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 194XXX

Iscritto dal 2011
- La frequenza base è 75- 85; anche se la differenza è poca a me turba molto.

- Ho un peggioramento della tachicardia la notte (in particolare da sdraiato), stato ansioso e un senso di compressione a livello dello sterno.
[#3] dopo  
Utente 194XXX

Iscritto dal 2011
Aggiungo che la pressione è 120 / 60 (+/- 5)

Ogni tanto avverto dei capogiri.
[#4] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
16% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Buongiorno, E' probabile, ma non certo, non potendola visitare a distanza e quindi valutare correttamente che può aver avuto un risveglio precoce dall'anestesia ( o la sgradevole senzazione del risveglio che può capitare la prima volta che ci si sottopone ad AG ). Per cui anche se ancora non perfettamente cosciente la sensazione di risveglio con un tubo in gola, la difficoltà a non poter respirare correttamente avendo i tamponi nel naso possono averle determinato una sensazione di panico che ancora si manifesta soprattutto la notte quando dorme. Non vi è nulla di preoccupante e in breve questa sensazione dovrebbe ridursi fino a cessare completamente. Poi non dimentichi che è ancora in convalescenza e sono passati pochi giorni, quindi è normale che qualche disturbo tipo vertigini o capogiri siano ancora presenti. Prolunghi il riposo ancora per qualche giorno.
Saluti
[#5] dopo  
Utente 194XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per il consulto.

Buona giornata e buon lavoro