Utente 206XXX
Salve,
sono una ragazza di 22 anni che per anni ha sofferto di TIA improvvisi senza mai avere una spiegazione precisa del perchè mi accadesse ciò già dall'età d 14 anni , quest'anno dopo aver eseguito il doppler transcranico mi è stato diagnosticato uno shunt di grado severo. A questo punto mi sono rivolta al mio cardiologo che mi ha consigliato la chiusura percutanea del PFO.
Ho effettuato questo piccolo interventino nell'ambulatorio di emodinamica e mi è stato posizionato l'ombrellino AMPLATZER. L'intervento è andato molto bene, sono stata subito benissimo e dopo 3 giorni sono tornata a casa.
Passati 10 giorni, però, ho iniziato ad avere febbre e astenia; i primi 2 giorni la febbre è stata continua poi ha iniziato ad alzarsi solo la sera; gia dal 2° giorno io ho iniziato l'antibiotico ma vedendo che la febbre non se ne andava ho deciso di fare le analisi del sangue e questi valori sono risultati alterati:
-ves 47
-pcr 101
-aso 914
-mcv 82
-rdv 11,9
-eosinofili 0,7

mi devo preoccupare? che cosa potrebbe essere?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
101860

Cancellato nel 2013
Vada dal suo cardiologo ed esegua, a scopo precauzionale, un ecocardiogramma. Meglio essere sicuri che l'infezione non parta dal cuore.
Cordiali saluti