Utente 129XXX
Salve mia nonna da quasi un anno è allettata causa ictus ischemico. Nelle dimissioni ospedaliere è riportata anche fibrillazione atriale parossistica. Come terapia anticoagulante sta facendo iniezioni sottocutanee di Clexane 6000. Il nostro medico curante, dopo un anno di punture mi dice che dobbiamo cambiare terapia perchè non conosce le conseguenze di un uso così prolungato di eparina a basso peso molecolare. Io sono rimasto sinceramente sconcertato da questa considerazione perchè nel dubbio sarebbe stato meglio interrompere prima no? Io sapevo, informandomi sul web che il Clexane si dà come trattamento ponte per poi passare al Coumadin. Quali danni può aver provocato adesso questo uso sconsiderato del Clexane? Grazie
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile utente
non credo che valutando i rischi/benefici il farmaco possa avere creato problemi,ovviamente è una terapia da riconsiderare con lo specialista che ha prescritto il farmaco