Utente 190XXX
Buonasera a tutti.
Nell'asportazione di un polipo anale il chirurgo ha rinvenuto in mia madre un tessuto anomalo al di sopra del polipo e così non ha effettuato l'asportazione ma solo un frammento per la biopsia.
Per il risultato istologico ci vorranno 20 giorni.ora la mia perplessità sta in questo...nel caso fosse un tumore, fermo restando che hanno detto che è un tessuto localizzato al canale anale perchè da ecografia gli altri organi (fegato,reni) sono ok, chi ci assicura che in 20 giorni non si evolva e intacchi altri parti?
[#1] dopo  
Dr. Bruno Pasquotti
24% attività
0% attualità
8% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2004
E' difficile pensare che l'evoluzione di un tumore presenti tempi così brevi. Non c'è alcun pericolo nell'aspettare 20 gg per l'esame istologico.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
Ma non sarebbe stato il caso di asportare il tessuto anomalo ugualmente?
[#3] dopo  
Dr. Bruno Pasquotti
24% attività
0% attualità
8% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2004
Senza una diagnosi certa inutile procedere oltre. Non sappiamo poi quanto si estende questo tessuto "anomalo" sia in superficie sia in profondità nella parete del retto/ano. Ci sono terapie neoadiuvanti eventualmente da farsi prima di una chirurgia radicale (parlo sempre come se la diagnosi fosse la peggiore e cioè un tumore del retto/ano).
[#4] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
Ecco il risultato dell'istologico...
Adenocarcinoma scarsamente differenziato, G3, con aspetti mucinosi,
infiltrante fino alla tonaca muscolare compresa ed estensione pagetoide alla
cute anale.
Ora sta all'oncologo decidere se fare o meno la radioterapia prima o dopo l'intervento...secondo il chirurgo occorre eliminare l'ano e mettere una colostomia definitiva...

Cosa ne pensa del risultato? Ci sono speranze di guarigione completa?
[#5] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
Spero in una risposta!
[#6] dopo  
Dr. Bruno Pasquotti
24% attività
0% attualità
8% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2004
Le alternative terapeutiche possono essere diverse dalla chirurgia con intento radicale asportando anche l'ano e con quindi il confezionamento di una stomia (colostomia) definitiva, alla radio/chemioterapia neoadiuvante seguita da chirurgia radicale. Una Risonanza magnetica potrebbe essere utile come una TC di stadiazione che valuti la pelvi, l'intero addome ed il torace. Una valutazione tra l'oncologo ed il chirurgo potrebbe essere la scelta migliore.
[#7] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
dottore, è vero che il tumore all'ano è uno dei peggiori che ci sia? mi risponda per favore
[#8] dopo  
Dr. Bruno Pasquotti
24% attività
0% attualità
8% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2004
No, ci sono buone possibilità di cura. Dipende tutto, come per gli altri tumori, dallo stadio di malattia per cui la necessità di rivalutare il quadro generale con RMN e TC.
[#9] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
ecco il referto della tac:

cerebrale:
nessuna alterazione delle parti visibili del cranio.
il IV ventricolo ha normale morfologia e dimensione ed è sulla linea mediana.
il sistema ventricolare sopratentoriale ha normali dimensioni e non presenta dislocazione dalla linea mediana.
il parenchima cerebrale, le cisterne basali ed i solchi corticali hanno aspetto normale.
la somministrazione di mdc non mette in evidenza aree di incremento di densità aventi significato patologico.sinusopatia cronica mascellare bilaterale con cisti anteriore a contenuto iperdenso del seno mascellare di destra di cm1,2 diDM.
torace:
microbolle di enfisema parasettale apicale posteriore a destra. non si rilevano alterazioni tomodensitometriche a carico del parenchima polmonare aventi carattere di secondarietà.Non linfoadenomegaglie ilo-mediastiniche.regolare l'aspetto dei foglietti pleurici.nodulo disomogeneamente vascolarizzato del lobo sinistro della tiroide.
addome superiore:
non alterazioni tomodensitometriche a carico del parenchima apatico e splenico.si evidenzia perà formazione nodulare sottodiaframmatica laterale di cm2 x cm1 circa di dimensioni circondata da alone liquido,che presenta modica impregnazione periferica dopo mdc ev,di dubbio significato secondario,da valutare in corso difollopup con pet.la lesione extraplenica comprime la superficie superiore laterale della milza.colecisti scarsamente distesa con pareti che presentano accentuata impregnazione dopo mdc ev da monitorare ecograficamente.lieve dilatazione delle vie biliari intraepatiche.coledoco di calibro regolare.vena porta di calibro aumentato sino a cm1,4con presenza di alcuni circoli venosi ectasici in sede ilare splenica e milaza aumentata di volume.pancreas e surrene destro nella norma.ipertrofia surrenalistica sinistra.reni a buona funzionalità escretoria,indenni da alterazioni tomodensitometriche ad eccezione di microcisti renali a destra.non segni di urostasi.vena renale sinistra retroaortica.non linfoadenomegaglie addomino-retroperitoneali.
addome inferiore:
esiti di isteroannessiectomia.non alterazione parietali della vescica.
si documenta nodulo cutaneo-mucoso di cm1,8 circa di dm max in sede anale sinistra che presenta marcata impregnazione dopo mdc ev,a contorni superiori lievamente sfumati,riferibile a piccolo processo discariocinetico.la lesione non appare clivabile dall'estremo inferiore del m.elevatore dell'ano.coesistono nodulazioni centimetriche e subcentimetriche,confluenti,nell'atmosfera adiposa perirettale di sinistra,che presnetano marcata impregnazione dopo mdc ev,riferibili a impianti secondari di malattia.coesistono alcuni linfonodi,centrimetrici,che presentano marcata impregnazione dopo mdc ev,in sede iliaca esterna laterale e inguinale superficiale a sinistra da probabili secondarismi.