Utente 581XXX
Buongiorno,
avrei cortesemente bisogno di un chiarimento in merito agli esami toxoplasmosi che ho eseguito in gravidanza. Alla 12 settimana ho effettuato il toxo test: valore IGG 10 metodo chemiluminescenza valore pos >8 valore IGM negativo. Ora mi trovo alla 25 settimana di gravidanza e il ginecologo non mi ha piu fatto ripetere il test in quanto immune dai risultati rilevati. Non ho pertanto seguito nel frattempo nessuna cautela nell'alimentazione (ho anche un gatto in casa). Ho notato che la mia immunita' e' davvero ... minima e a quanto ho potuto capire il sistema della chemilumin non e' dei piu' precisi... Vi chiedo un consiglio in quanto specialisti del settore.. posso stare tranquilla (anche se ormai sono quasi al 6 mese) o devo ripetere un test presso un laboratorio che impieghi tecniche piu' sensibili/affidabili?
Grazie mille!
[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Non osservare norme igieniche alimentari durante la gravidanza è comunque una pessima idea, infatti si espone a malattie ugualmente pericolose, visto chè uno non si sceglie i patogeni quando deve ammalarsi. L'epatite A in gravidanza ha una mortalità del 20%, la diarrea da Campylobacter può essere causa di parto prematuro e può simulare l'addome acuto e nel 3% da la sindrome di Guillan Barrè. Nasce quindi spontaneo il consiglio di osservare ugualmente rigorose norme igieniche.
[#2] dopo  
Utente 581XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dottore,
in effetti io intendevo che non ho seguito, su indicazione del ginecologo, le restrizioni alimentari previste per chi non e' immune alla toxo. Ad es mangiavo senza sciacquare verdura cruda preconfezionata e gia' lavata, non usavo amuchina per lavare la frutta, talvolta ho mangiato prosciutto crudo o salsiccia (comunque ben cotta, ho mangiato, sempre ben cotta, carne di cinghiale...
Ho rispettato le norme igieniche comuni insomma.
Vorrei cortesemente il suo parere a proposito del metodo di screening utilizzato dal laboratorio (chemiluminesc) e dei valori ottenuti (igg 10 positivo se >8 ;igm assenti). Posso ritenerlo comunque un metodo attendibile o e' il caso che ripeta il toxotest presso un altro centro?
Grazie mille
[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Mi scusi signora mi sono dimenticato di rispondere al quesito principale. In mani esperte (strumenti ben tarati) la chemiluminescenza è affidabile, quindi sono d'accordo con il suo ginecologo.