Login | Registrati | Recupera password
0/0

Sesso in 3 con mia moglie

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012

    Sesso in 3 con mia moglie

    cri dottori scrivo qui x quanto riguarda 1na fissazione mia e di mia moglie x fare sesso x la prima volta in 3.durante il nostro rapporto sessuale ci piace pensare che ci sia 1n altro con noi e pian piano abbiamo conosciuto un chirurgo in chatt che a mia moglie attizza tantissimo e abbiamo pensato che fosse l uomo giusto x farlo xche' oltre ad essere d accordo e' abbastanza riservato.io ho scritto x chiedervi essendo che e diventata quasi un ossessione sessuale se e' giusto o sbagliato provarci visto che siamo consapevoli insieme.puo' portare problemi nella vita di coppia?.spero in 1na risposta



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 58 Psicologo
    Risponde dal
    2012
    La fiducia e l’intimità in un rapporto di coppia sono prerogative fondamentali affinché si possa vivere una sessualità soddisfacente. Le trasgressioni sessuali, se sono condivise con il partner, non hanno nulla di negativo, anzi possono aiutare a mantenere vivo il rapporto e a scaldare la relazione di coppia.

    È importante citare la differenza tra trasgressione e perversione: Nella trasgressione si vuole infrangere consapevolmente una regola sociale o morale, nella perversione invece non si ha scelta, non c’è nulla di razionale. Un’ulteriore differenza tra trasgressione e perversione è l’esclusività. Nella perversione sessuale la persona riesce ad eccitarsi solo in quel modo, mentre nelle trasgressioni la pratica sessuale particolare è un gioco condiviso che avvicina la coppia rendendola più complice e non al contrario allontanandola. La perversione ha poco o niente di razionale. È una fissazione, qualcosa di cui l’individuo non può fare a meno, un bisogno che sfugge al suo controllo e da cui dipende. Le perversioni non sono mode ma fissazioni.
    Secondo il DSM IV le perversioni sessuali sono:

    fantasie, impulsi sessuali o comportamenti ricorrenti ed intensamente eccitanti sessualmente che, riguardano:

    • 1. oggetti inanimati
    • 2. la sofferenza e l’umiliazione di se stessi o del partner
    • 3. bambini o altre persone non consenzienti






    Dr. Alberto Migliore
    Psicologo Torino
    www.migliorepsicologia.com

  3. #3
    Indice di partecipazione al sito: 194 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2009
    Egregio Signore,
    Concordo con la lettura data alla questione che Lei pone dal collega, ma vorrei introdurre, a suo uso e beneficio degli spunti su cui riflettere:
    Gli esseri umani, almeno secondo la teoria psicodinamica a cui faccio riferimento, oltre che una sfera razionale con la quale si possono prendere accordi e intavolare trattative di qualunque genere sono dotati di un potentissimo inconscio, che guida. Il sentire e il desiderare degli individui che possiede e che li porta ineluttabilmente sulle sue strade senza che nulla lo possa ostacolare. Tutta questa premessa e' per suggerirle di ascoltare il suo inconscio e quello di sua moglie prima di intraprendere un'attivita' che nessuno sa quali consegueNze potra' avere sulla vostra "coppia" una volta superato l"attizzamento" che sembra coinvolgervi al momento.
    Avete pensato di chiedere aiuto ad uno psicologo psicoterapeuta per esplorare cosa rappresenti per voi, a livello inconscio, questo terzo, per giunta medico chirurgo che vorreste ospItare nella vostra intimita?
    I migliori saluti


    Cordialmente,
    Dott.a FRANCA ESPOSITO, Roma
    Psicologa Psicoterapeuta dinamic <ffrancesp@yahoo.it>

  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 1038 Psicologo
    Perfezionato in:
    Sessuologia

    Risponde dal
    2010
    Gentile Signore,
    che sia giusto o sbalgliato, non credo sia il focus della domanda, all'interno di una relazione di coppia ben strutturata, nel rispetto dell'altro, non c'è niente di sbagliato.
    Il distinguo da dover fare è quello tra "perversioni soft" ed "hard", le prime rappresentano un gioco di coppia, dal quale la coppia, può tranquillamente entrare ed uscire , senza complicanze e dipendenze, le seconde diventano la modalità esclusiva per raggiungere il piacere sessuale.

    Un altro importante distinguo da dover fare è quello tra il mondo dell'immaginario erotico, grande afrodisiaco per la sessualità e per la coppia e la sua attuazione, a volte a rischio di complicanze orizzontali ed emozionali.

    Il triangolo, cela inoltre una fantasia omosessuale sia nelle donne, che negli uomini, che si prestano alla realizzazione di questo scenario erotico.
    Predomina spesso una "fantasia di sottomissione", che si colloca però sempre all'interno di una " legalità psicologica" (perché realizzata con il marito o con il partner abituale).
    Nel caso in cui sono due donne a realizzare la fantasia sessuale, la paura dell'omosassualità, viene tenuta a bada dalla genitalità maschile, presente e partecipe alla realizzazione di questo triangolo amoroso.
    L'uomo funge da simbolo alla non omosessualità femminile, testimonia esclusivamente la realizzazione di un momento ludico, convivialmente condiviso, nel rispetto delle fantasie comuni.
    La coppia sessualmente complice , ha un patrimonio di fantasie erotiche, che ama condividere ad "adoperare" verbalmente per potenziare l'immaginario e per potenziare il gradiente erotico della camera da letto.
    Quando però, le fantasie escono dall'immaginario per trasformarsi in una possibile realizzazione, passiamo dall'erotismo al mondo delle perversioni soft, con tutta una serie di possibili complicanze emozionali e relazionali.
    La presenza di un terzo elemento all'interno di una sessualità stabile e rodata, può in un primo momento fungere da antidoto alla noia coniugale, da pusher di emozioni nuove, ma alla lunga la possibile presenza di "paragoni erotici", di gelosie cocenti e destruenti, di continui incidenti sessuali, rappresentano un sabotaggio al legame, creando un terreno fertile ad un'insoddisfazione coniugale importante.

    Se desidera nel mio blog e sito personale, troverà molto materiale in merito.


    Cordialmente.
    Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
    www.valeriarandone.it

  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 1130 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2008
    >>> e' giusto o sbagliato provarci
    >>>

    Risponderle a questo equivarrebbe a darle un giudizio morale, cosa dalla quale lo psicologo dovrebbe astenersi per quanto possibile.

    La sessualità può essere anche non convenzionale, se vissuta serenamente. Il problema sta nella parola "serenamente".

    >>> puo' portare problemi nella vita di coppia?
    >>>

    Sì, c'è questa possibilità.

    Per definizione la coppia si forma con premesse d'esclusività. Se strada facendo si avverte la voglia di lasciar entrare altri a partecipare, anche senza volersi addentrare nella ricerca delle cause che possono aver determinato questa voglia, è chiaro che da quel momento in poi la coppia "non sarà più la stessa".

    Non necessariamente porterà problemi, ma di sicuro porterà a una revisione delle premesse su cui la vostra coppia si è formata. Ciò, a sua volta, potrebbe causare problemi, anche se non necessariamente.



    Dr. Giuseppe Santonocito - Psicologo Psicoterapeuta
    Specialista in psicoterapia breve strategica
    www.giuseppesantonocito.it

  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 37 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2009
    Gentile Signore, dal momento che cerca un consiglio non mi tirerò indietro e le segnalerò la mia opinione al riguardo. Dunque è innegabile che l'amore a tre possa essere fonte di intense emozioni, ma a quale prezzo? Non lo sappiamo. Da una parte la legge del piacere spinge perchè si realizzi questo rapporto allargato. Dall'altra, qualcosa le sussurra di non farlo, che non sta bene. Mi rendo conto che il cantico delle sirene ha un potere enorme nel determinare le scelte che in questo caso sono tutt'altro che scontate. E' anche vero però che l'essere umano e' in grado di modulare questa spinta alla trasgressione al punto tale da inibirla. Caro ragazzo,lasci perdere. Si opponga con tutte le sue forze a questa voce interiore che vorrebbe spingerla a sperimentare questa esperienza. Le dico questo perchè non raramente coloro che invece hanno deciso di provare a non frenare questo desiderio, si sono trovati impantanati nel labirinto delle conseguenze, peraltro prevedibili di questa scelta. Volendo essere brevi e concisi non si può ignorare ciò che non infrequentemente avviene in queste circostanze. Che nell'illusione di divertirsi giocando al sesso libero e disinibito non si tiene conto di eventuali complicazioni, una sorta di effdetti collaterali che si fanno sentire anche pesantemente. Solo a titolo di esempio, provi ad immaginare che un giorno sua moglie dopo aver sperimentato più volte il piacere trasgressivo le confessa di essersi innamorata del chirurgo. Una eventualità ben superiore di ciò che si crede. E se le comunicasse tra le lacrime che sta aspettando un bambino che quasi sicuramente la paternità fosse del medico? Mi creda, la sua vita cadrebbe nell'inferno del "...ah...se avessi saputo.." Ma ormai è tardi e tutto si spegne compreso il vostro amore iniziale che non ha più ragione di esistere. Lei vuole tutto questo? Agisca da persona responsabile e non si lasci convincere dai soliti ritardatari che continuano a dire che non c'è nessun problema, che tutto è semplicemente naturale, ecc. Chi dice questo é tarato nell'anima e cerca di corrompere anche le persone pulite. Le auguro di amare sua moglie e di proteggerla dal passare ai fatti che presto o tardi provocherebbero un disastro.

    Naturalmente lei agisca come crede, ma valuti bene i pro e i contro e si comporti di conseguenza.

    Cordialità


    Dr. Willy Murgolo
    Psicologo-Psicoterapeuta
    Ipnosi Clinica-Sessuologia

  7. #7
    Indice di partecipazione al sito: 669 Psicologo specialista in: Psicoterapia

    Risponde dal
    2003
    Gentile Utente,
    non ho molto da aggiugnere a quanto espresso dai Colleghi, se non la considerazione che Lei chiama tutto ciò "un'ossessione". Secondo me un'ossessione, che sia piacevole oppure spiacevole, rimane sempre un'ossessione, e come tale genera turbamento, e si collega a qualcosa di "sbagliato" per la vostra coppia, almeno in questo momento.

    Infatti credo che la chiave risieda nel fattore "tempo": oggi voi la vivete come ossessione, quindi vi conviene aspettare un po' di tempo, per poterne parlare meglio, per capire insieme se sia davvero una cosa che desiderate, non solo che vi ossessiona.

    Quindi il mio consiglio è quello di aspettare: se l'ossessione si trasformerà in desiderio tanto meglio per voi. Tenete presente che di "chirurghi", ovvero di terze persone da inserire nella vostra sessualità ce ne potranno essere sempre, anche più avanti.


    Cordialmente
    Daniel Bulla
    dbulla@libero.it, Twitter _DanielBulla_

  8. #8
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2012
    caro dottor willy ho preso in atto la sua analisi fatta sul mio problema e volevo dirle che lo presa in piena considerazione .grazie di avermi aiutato a non commettere forse o sicuramente il piu' grosso sbaglio della mia vita .grazie ancora



Discussioni Simili

  1. Ossessione di essere gay
    in Psicologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 15/06/2012, 11:15
  2. Attrazione fisica
    in Psicologia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17/06/2012, 11:03
  3. Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 20/06/2012, 09:31
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25/06/2012, 23:53
  5. Ossessione
    in Psicologia
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 05/06/2012, 02:02
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,19        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896