Utente 176XXX
Buongiorno Dottore,
Mia Mamma, 63 anni, a Novembre dello scorso anno ha accusato un mancamento. Era in casa, in piedi appoggiata al davanzale e si é ritrovata per terra a gattoni. Non ha avuto perdita di coscienza o svenimento, si è ritrovata a terra per poi rialzarsi subito senza problemi. Aveva da poco fatto un ECG dove tutto risultava ok e in seguito a questo episodio ha fatto un ecodoppler TSA dove tutto era nella norma. Ultimamente accusava mal di testa e sensazione di ansia, era un periodo in cui era un po’ stressata e si è ritrovata con valori di pressione alti (anche 90/189). Un sera vedendo questi valori e preoccupati perché non si abbassavano, ci siamo rivolti al pronto soccorso. Le hanno fatto esami del sangue, ECG e tutto risultava perfetto, solo leggermente un po’ di colesterolo alto. Le hanno dato delle gocce di tranquillante per abbassare i valori pressori e ordinato un Holter pressorio del quale stiamo aspettando l’esito. Ci siamo accorti di questi valori alti di pressione solo ultimamente, prima non saprei dirle, la misurava raramente ma risultavano nella norma. Lei soffre di cervicale, al pronto soccorso le hanno detto che può essere anche quella la causa di una pressione alta. Da quel giorno, abbiamo sempre tenuto monitorata giornalmente la pressione e i valori sono sempre stati giusti. Mia Mamma è alta 1.57 m, pesa 57/58 Kg., conduce una vita regolare, non fuma, non beve e mangia sano (ha eliminato anche i 2/3 caffè che beveva al giorno). Le piace andare a camminare ed è una persona attiva.
Ieri in montagna, dopo 2 ore di cammino in salita ad un buon ritmo e con pendenze anche oltre il 20%, era a pochi metri dalla meta ed è caduta a terra di faccia, sbattendo di naso. Il sentiero non presentava particolari insidie, le si ricorda solo che stava per cadere, ma non è riuscita a mettere le mani avanti per non cadere di faccia. Una volta caduta si è rialzata, ma non aveva ne perso conoscenza ne era svenuta, frazione di secondi si è trovata a terra senza riuscire ad impedire che ciò accadesse. Ora non sappiamo se è inciampata e non ha messo le mani a terra perché aveva una mano impegnata o se è stato un mancamento e vorremo fare accertamenti. In passato andando a camminare sempre in montagna a quota 2000m aveva sentito un dolore al petto e anche al tempo si sottopose ad un ECG e tutto risultava nella norma.
Non sappiamo come comportarci, se fossero problemi alla testa (parlo da ignorante) credo svenirebbe o perderebbe conoscenza per un po’ di secondi. A Settembre aveva fatto anche una Tac Total Body e tutto risultava nella norma.
Secondo lei, dopo una TAC ed ECG a Settembre che risultavano nella norma, dopo Ecodopler TSA a Novembre dove tutto era ok e degli esami del sangue con ECG fatti il 22 Maggio cosa dobbiamo fare? Cosa ci consiglia di fare?
Grazie per la gentile risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Se non sono stati già eseguiti consiglio di effettuare un ecocardiogramma colordoppler ed un holter delle 24 ore. In questo modo il quadro cardiologico sarà sicuramente più chiaro. Cari saluti, Ugo