Utente 256XXX
Buongiorno,
due settimane fa ho preso un colpo violento alla nocca del dito medio, giuntura tra 1a e 2a falange. Inizialmente il dolore è stato piuttosto intenso; il giorno dopo si notava un leggero alone violaceo, interno, al di sotto della nocca ma gonfiore pressochè assente se non davvero impercettibile.
Ho così pensato che fosse una normale botta.
Ora a distanza di due settimane il dolore non è ancora scomparso; in condizioni normali la mano non da alcun fastidio, ma se provo a fare con il dito il tipico gesto di piegatura, per intenderci il movimento di un dito che tira la frizione di una moto, avverto un dolore vivo e fastidioso.
Ora, le mie domande sono:
può trattarsi di frattura?magari di una microfrattura?
se così fosse, dovrei ingessarlo o tipicamente sono problemi che si risolvono da soli con il tempo?
nel caso in cui sia necessario ingessare, il tempo ormai trascorso (2-3 week) può essere un problema o rendere vani i benefici di un immobilizzazionone ormai tardiva?

Vi ringrazio molto per la cortese collaborazione.

Buona giornata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

per prima cosa deve fare una radiografia della mano (sarebbe molto meglio se del solo dito) in 3 proiezioni.

Solo in questo modo si può vedere se esiste o meno frattura, se c'è un distacco osseo, ecc.

Parlare di trattamento senza conoscere questi elementi è del tutto inutile.

Fino a quando non esegue l'Rx, si limiti con i movimenti e soprattutto con gli sforzi.

Ci faccia sapere, se crede.

Buona giornata.