Utente 256XXX
Salve, scrivo per mio padre che ha 75 anni.

Ho un dubbio sulla terapia che sta effettuando.

Attualmente sta assumendo:

1 Pantoprazolo 20 al mattino
1/4 seloken 100 mattino e sera
1 Plavix al mattino
1 Cardioaspirina a pranzo
1 Torvast 40 la sera
1 Mirtazapina la sera

Ho letto che il gastroprotettore ha un effetto inibitorio verso il plavix ma il pantoprazolo dovrebbe essere quello che lo influenza meno quindi sotto questo punto di vista mi sento abbastanza sicuro.

Non ho trovato invece conferme per quanto riguarda il torvast, in rete ho letto che annulla del tutto l'effetto del plavix:

"Atorvastatina (substrato CYP3A4): può ridurre in modo significativo l’effetto antiaggregante del clopidogrel, probabilmente per inibizione competitiva dell’attivazione del farmaco. La somministrazione di clopidogrel (dose di carico di 300 mg seguita da 75 mg/die per 28 giorni), in associazione ad atorvastatina (10-40 mg/die) in pazienti sottoposti a stent coronarico, ha evidenziato un effetto dell’atorvastatina sull’aggregazione piastrinica dose-dipendente: con atorvastatina 40 mg/die, l’effetto antiaggregante del clopidogrel è risultato nullo. L’interazione farmacologica non è stata riscontrata nei pazienti trattati con clopidogrel e pravastatina (40 mg/die) (Lau et al., 2003). "

Fonte: http://www.pharmamedix.com/principiovoce.php?pa=Clopidogrel&vo=Interazioni

A questo punto le mie domande sono:

1) L'assunzione di atorvastatina (torvast) annulla davvero tutti gli effetti del plavix come indicato in quell'articolo che comunque è abbastanza datato.
2) E' possibile valutare mediante qualche analisi del sangue l'efficacia della terapia che sta seguendo mio padre (per capire se i farmaci stanno svolgendo bene il proprio lavoro)

Visto che mio padre ha gia avuto 2 ictus sono abbastanza preoccupato.

Vi ringrazio per le eventuali risposte.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
gentile utente
in dati sono piuttosto contraddittori in merito, comunque la trasformazione del metabolita intermedio 2-oxo-clopidogrel porta alla formazione del metabolita attivo, un derivato tiolico del clopidogrel, questa via metabolica è mediata da CYP3A4, CYP2C19, CYP1A2, CYP2B6 ;pertanto interazioni con il CYP3A4 (da parte della atorvastatina) posssono influenzare l'attività del clopidogrel riducendone l'effetto terapeutico
[#2] dopo  
Utente 256XXX

Iscritto dal 2012
Grazie dottore per la risposta.

Quindi c'è questa possibilità.

Le riporto la domanda posta in precedenza:

"E' possibile valutare mediante qualche analisi del sangue l'efficacia della terapia che sta seguendo mio padre (per capire se i farmaci stanno svolgendo bene il proprio lavoro e non si ostacolano a vicenda)?"

Resto in attesa.


[#3] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
fondamentalmente il plavix risente delle variazioni genetiche e delle interferenze con il CYP 2C19, per cui sono convinto che clinicamente nel caso di suo padre non ci siano particolari problemi;la valutazione dei tempi di sanguinamento può dare una certa indicazione sull'effetto della terapia antiaggregante