Utente 256XXX
Buongiorno , ho 51 anni pratico podismo fin da ragazzo , dopo uno stop di alcuni anni , da due anni ho ripreso ad allenarmi e gareggiare . Come già diagnosticato nel 2001 , poi sparita negli anni seguenti è ricomparsa nel tracciato a riposo la seguente anomalia :

Tratto S-T lievemente innalzato , onda T negativa da V1 a V4 , scompare con il test da sforzo .
ECG : AS(42) - Setto IV 13 (+) - VS : Ok - lieve insufficienza mitralica .

Posso corrrere ed allenarmi tranquillamente ? come mai l'anomalia si accentua con l'allenamento ?
Grazie in anticipo della risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi non è semplice risponderle senza visionare l'ECG, ma quel che posso dirle è di non sottovalutare il problema che mi ha riferito e di non eseguire attività fisica importante fino a quando non si sia chiarito il tutto. Direi che è opportuno che al più presto lei sottoponga la documentazione di cui dispone all'attenzione di uno specialista aritmologo al fine di escludere eventuali alterazioni del sistema elettrico cardiaco che si manifestano con alcuni tipici segni ECG (l'innalzamento del tratto ST) e che possono non essere costantemente presenti. Se le alterazioni in questione fanno parte del quadro di una sindrome più complessa occorre una valutazione del rischio di aritmie che questa può determinare.
Cordiali saluti