Utente 257XXX
ho 40 anni e sono stato operato 3 anni fà al menisco sx. Quando l'anestesista effettuava la 1à puntura fui colpito da un dolore atroce dalla schiena fino ai piedi(come una pressa che schiaccia a morte) con una involontaria reazione delle gambe che gettano l'infermiera a qualche metro.Questo credo sia durato 1 o 2 minuti,dopo di chè l'anestesista estrae l'ago per rifare l'iniezione, andata a buon fine,eliminando ogni dolore.
Con l'esaurirsi dell'effetto anestesia,dopo l'intervento,delle tremende scosse alla parte esterna del polpaccio che finivano tra il pollice e l'indice del piede dx mi facevano lamentare un forte dolore che non si attenuava con flebi di diversi antidolorifici.Solo il mattino dopo molto è stato risolto con delle iniezioni di (come me l'hanno spiegato)anti irritante.
EMG risulta sulla norma tranne che per una ipersensibilità al nervo(non ricordo il nome).Ancora oggi lamento ipersensibilità al tatto con relative scosse nei medesimi punti.
A cosa posso andare incontro e cosa posso fare per il futuro?
Resto in attesa di risposta.
Gazie in anticipo per l'attenzione. Vi auguro un buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, certo 3 anni sono veramente tanti ed in questi 3 anni non sono certa di aver compreso se lei ha praticato solo una EMG (quanto tempo fa ?) ed a che tipo di terapie si è sottoposto ( lei ci parla di un antiinfiammatorio ma subito dopo l'intervento!). Poi? Ha sempre avuto qualche disturbo e non ha fatto nulla? O era passato ed ora ha di nuovo disturbi?
Sentire dolore e/o una scossa al momento della introduzione dell'ago succede e non si accompagna quasi mai a sequele, ma quanto descrive, se a carattere continuativo, sarebbe stato da subito meritevole di controlli e terapie adeguate, cosa che mi pare di capire non è avvenuta.
Una diagnosi a distanza è impossibile, una visita neurologica pur se tardiva potrebbe essere di utilità almeno per indicare se il disturbo è stabilizzato.
Per quanto possibile spero di essere stata esauriente, cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Buona sera dottoressa,EMG l'ho fatta 2 anni fà e la visita dal neurologo solo durante il ricovero 3 anni fà,nel frattempo il disturbo è sempre stato presente ma solo sotto forma di fastidio(acqua fredda,contatto con le unghie o alla fine di giornate intense le solite scosse tra pollice e indice).In questi giorni per una piccolissima ferita al pollice(che non mi ero neanche accorto di avere) ho fatto la notte in bianco con scosse piuttosto forti a intervalli di 5-10 secondi .
Non ho mai fatto cure specifiche ,se non qualche integratore,e tanto il professore che mi ha operato,quanto il mio medico di base,mi hanno sempre detto che il danno è minimo e si può solo stabilizzare con integratori e tempo.
All'introduzione dell'ago non ho sentito scosse,ma un vero e proprio dolore che mi ha fatto bagnare letteralmente il lettino di sudore in non più di 2 minuti.Mi sembrava che si schiacciasse il corpo.
"Durante il ricovero e la settimana successiva l'anestesista si è sempre fatto negare nonostante ripetute richieste di spiegazioni da parte mia"
Non voglio disturbarla troppo,quello che cerco è solo un consiglio,una strada da seguire.
grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, sotto la guida del suo Medico curante e di un Neurologo di sua fiducia, a mio modo di vedere, dovrebbe ripetere una serie di esami (EMG ed eventualmente RMN, che anche se tardiva potrebbe dare delle risposte), atti a definire il tipo di lesione, sua eventuale stabilizzazione/miglioramento/peggioramento, confrontando le risposte attuali con le vecchie. Terapie con neuroprotettori/composti vitaminici ad hoc potrebbero essere utili.
Così a distanza è impossibile dire di più, cordiali saluti.