Utente 257XXX
Sono un ragazzo di 27 anni.
Chiarisco subito che non ho familiarità per ictus, morte improvvisa, e che non sono fumatore.

Faccio regolarmente sport (palestra, piscina e corsa) senza problemi (un po’ di mancanza di fiato, ma penso sia perché ho appena cominciato sport di resistenza come il nuoto o la corsa).

Vi elenco i disturbi di cui soffro maggiormente:

- sensazione di ansia al petto (penso sia extrasistole, anche più volte durante la giornata);
- sensazione di sentire il cuore battere (sembra un rimbombare);
- sensazione che il cuore batta più forte quando mi distendo o quando mi alzo in piedi;
- pizzicore al capezzolo sinistro (molto fastidioso!);
- fastidio allo sterno e tra le scapole (fastidio oppressivo);
- sensazione di aritmia (in effetti lo strumento con cui mi misuro la pressione mi indica spesso la presenza di una aritmia);
- sensazione che il cuore mi batta all’imboccatura dello stomaco.

Queste sensazioni ricompaiono più volte nel corso della giornata e mi fanno avere molta paura di una patologia al cuore.

Poi altri sintomi sono:
- fitte dolorose alla spalla sinistra e alla clavicola sinistra;
- formicolio doloroso alla pianta del piede sinistro.

Mi sono sottoposto già ad alcuni esami:
- gastroscopia con rilevazione di piccola ernia jatale da scivolamento che sto curando con Pantoprazolo da ormai due mesi;
- ECG con esito negativo (circa due mesetti fa);
- ECOcardiogramma (due settimane fa) con esito negativo. Il cardiologo, mentre eseguiva l’esame, ha visto una extrasistole ma ha detto che non era nulla di preoccupante;
- il medico di base non mi consiglia ulteriori accertamenti, perché un ECO e un ECG negativi dovrebbero essere sufficienti.

Non so più davvero cosa pensare. A volte mi sforzo di pensare che sia tutto ok, che non ho nulla, ma poi ricado sempre in pensieri negativi. Il fatto che non capisco è che queste sensazioni NON compaiono mai quando vado in piscina a nuotare. In quell’ora di sport non sento nulla di tutto questo, ma poi, quando esco dalla piscina per tornare a casa ricomincia tutto da capo.
Insomma, sono sereno solo quando nuoto. Per il resto passo le giornate in compagnia dei miei sintomi e non riesco ad essere sereno.
Cosa devo fare? Cosa devo pensare?
Vorrei sapere anche la vostra gentile opinione.
Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
E probabile che la sua sintomatologia dipenda dall'ernia iatale, oltre che dall'ansia...i controlli cardiologici hanno dato esito negativo, per cui io cercherei di tranquillizzarmi sul " versante" cuore. cari saluti
[#2] dopo  
Utente 257XXX

Iscritto dal 2012
Quindi devo stare sereno?

Mi consiglia ulteriori accertamenti?

La ringrazio
[#3] dopo  
Dr. Ugo Miraglia
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
stia sereno...