Utente 110XXX
Salve. Non sapendo di quanta precisazione necessiti la descrizione della mia domanda,ho preferito esporre più particolari.Ho 2 gemelline eterozigoti di 11 mesi nate di 33 settimane+4 perchè la bimba a sinistra aveva rotto la sua sacca. Al 4° mese di gravidanza mi avevano detto che la bimba di destra aveva l'arteria succlavia destra aberrante.Alla nascita in ospedale ,in un primo momento,non sapevano chi era la bimba di destra e quale quella di sinistra.Si sono solo accertati del fatto che entrambe respirassero senza affanno e che non era visibile alcuna sindrome di down.Alla prima ecocardiografia,a 4 mesi,non risultava alcuna anomalia alla bimba che mi avevano detto forse essere quella di destra.Anche se ,forse sembrava presentasse un' anomalia l'altra bimba ma per sicurezza bisogna aspettare che passi più di un anno.La mia domanda è questa :può questa anomalia associarsi a disturbi quali i frequenti vomiti nel primo anno di vita,la costante gola arrossata,problemi di respirazione in posizione supina? Problemi che presenta la "bimba di sinistra".Questa mia domanda nasce dal fatto che quest'ultima bimba è in un perenne stato di salute non ottimale e dal fatto che forse questo possa dipendere da quella arteria . Mi consigliate di accertarmi diversamente di questi sintomi? Inoltre,sempre a questa bimba,già diverse volte in questi mesi,le è stato somministrato il bentelan almeno per 3 cicli pensando che possa essere un soggetto allergico,sempre perchè mostrava problemi di respirazione.
Vi ringrazio in anticipo per aver considerato la mia domanda e per la Vostra disponibilità.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il riscontro di arteria succlavia destra aberrante sembra essere un marker molto potente di rischio di anomalia cromosomica ( é spesso associata a sindrome di Down). La sua valutazione richiede esperienza dell'operatore nella valutazione del cuore fetale. Quando non è aneurismatica e non dà quindi segni di compressione su strutture anatomiche vicine non dovrebbe comportare grandi problemi, ma se ci sia relazione con i disturbi che la piccola presenta và stabilito da una valutazione della Cardiologia Pediatrica e quella di Pisa è una delle migliori.
Cordialità