Utente 253XXX
Salve.
Seppur con grande terrore, sarei intenzionata a sottopormi al test hiv. Frequento una persona da più di un anno e lui non ha sintomi che possano far destare dei sospetti preoccupanti, ma io sì. Sono una ragazza di 23 anni e premetto che dal dicembre 2010 (quando ancora non frequentavo questa persona) mi fu trovata la ghiandola linfatica destra della gola parecchio infiammata a causa di una tonsillite. In seguito a una visita dall'otorino ho inoltre scoperto di soffrire di turbinati ipertrofici. A parte questo, dal dicembre 2010 fino ad ora la ghiandola ha continuato seppur a periodi alterni a essere sempre un po' infiammata (il mio medico di base mi ha appena prescritto un'ecografia al collo per accertamenti). Insieme a questo problema ho avuto a gennaio 2011 e a marzo due episodi gravi di influenza intestinale (o almeno di quella che credevo essere influenza intestinale). Ora il primo di luglio ho avuto un episodio di vomito con diarrea e qualche scarica anche nei giorni a seguire che il mio medico ha diagnosticato come un caso di enterocolite (prescrivendomi comunque una visita gastroscopica). Ieri sera ho anche avuto una leggera alterazione della temperatura. Temo che il mio sistema immunitario possa essere debilitato e che tutti questi problemi possano essere correlati. Da maggio ho iniziato ad assumere anche la pillola anticoncezionale e vorrei sapere se l'assunzione potrebbe inficiare il risultato di un eventuale test. Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

da quello che ci scrive, non si evincono possibili e sicuri sintomi legati alla presenza dell'HIV.

Detto questo poi, se vuole fare il test, dopo averne parlato e discusso per bene almeno con il suo medico di fiducia, lo può fare senza problemi particolari perché la pillola anticoncezionale non inficia assolutamente l'esito finale di questo test.

Un cordiale saluto.