Utente 598XXX
SALVE ! VI SCRIVO PER FARE UN PO' DI CHIAREZZA SU UN PROBLEMA DI MIO PAPA'. HA 58 ANNI E' UN EX FUMATORE (HA SMESSO 20 ANNI FA)ED E' UN PO' IN SOVRAPPESO. NON HA MAI ACCUSATO PARTICOLARI PROBLEMI, SENONCHE' ACCUSANDO UN PO' DI AFFATICAMENTO SI E' RIVOLTO AD UN CARDIOLOGO (SETTEMBRE 2007) CHE HA DIAGNOSTICATO : VALVULOPATIA AORTICA IN SOGGETTO IN BUON COMPENSO EMODINAMICO CON INDICAZIONE AD ESEGUIRE UN INTERVENTO CHIRURGICO PER LA SOSTITUZIONE DELA VALVOLA.
CI SIAMO RIVOLTI AD UN ALTRO SPECIALISTA A DISTANZA DI QUALCHE SETTIMANA CHE CI DETTO CHE ESSENDO ANCORA ASINTOMATICO IL PROBLEMA NON DOVEVA CONDURE SUBITO ALL'INTERVENTO: ANZI E' PIU' RISCHIOSO FARLO CHE NON. COSA DOBBIAMO FARE ? ECCO DI SEGUITO ALCUNI DATI :EO SOFFIO SISTOLICO 2/6 LEVINE SU FOCOLAIO AORTICO ; PA120/80 ECG : RITMO SINUSALE A FCM 74B/MIN . APPENA COMPARE UN SINTOMO COME AFFANNO , DOLORE AL PETTO CAPOGIRI O SVENIMENTI SOSTITUIRE VALVOLA. MIO PAPA' E' IN ANSIA CONTNUA...COME USCIRNE? DA SOTTOLINEARE CHE ENTRAMBI I MEDICI HANNO PRESCRITTO DIUREMID 1/2 CP DIE.MA PORTA PRESSIONE BASSA ED IL DIURETICO PEGGIORA LA SITUAZIONE. COSì IL MEDICO DI FAMIGLIA GLI HA CONSIGLIATO DI PRENDERLO 2 VOLTE A SETTIMANA.ASPETTO CON ANSIA NOTIZIE ...GRAZIE ! GEMELLI 75

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Elpidio Pezzella
20% attività
0% attualità
0% socialità
CASTEL VOLTURNO (CE)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2008
La storia da Lei raccontata è abbastanza grottesca. L'indicazione all'intervento chirurgico di sostituzione valvolare aortica è stabilità da una serie di parametri, in accordo a quelle che sono linee guida internazionali, e non soltanto dal pensiero del singolo medico. La valutazione viene fatta basandosi sulla storia clinica, sui sintomi riferiti ma soprattutto sulle caretteristiche strutturali e funzionali della valola studiata in maniera appropriata con un'ecocardiogramma transtoracico, ed eventualmente un'ecocardio transesofageo. Per quanto rigurada la terapia suggerita, mi sento di dirle, magari in maniera poco etica, che potrebbe anche sospendere: un diuretico, soprattutto a così basse dosi non mette e non toglie ad una valvulopatia aortica!