Utente 207XXX
buongiorno.
come dice il titolo il mio problema è allergia all sole che mi tormenta da anni.
è iniziata da quando ho avuto la prima figlia 7 anni fa.
non possoi andare a mare che mi riempio già all terzo giorno di puntini che prurono moltissimo,poi iniziano a bruciare e infine mi provocano un dolore nelle zone interessate.
ho fatto la cura prescritta dal mio medico di base con dei integratori e i stimolatori di melanina ma non è servito a nulla.
ho provato a fare delle doccie solari prima di andare a mare ne facevo 3 all'anno,non è servito a nulla..cosi ho pensato che forse non è il sole ma proprio la sabbia e l'acqua del mare cosi ho evitato e andavo in piscina..il risultato sempre lo stesso.
poi ho pensato alla crema protettiva(uso la 20)anche se all'inizio mettevo la 50 ma la situazione era uguale, cosi l'ho cambiata più volte..il risultato lo stesso,cosi non la mettevo proprio ma senza il miglioramento.
quest anno ho pensato di evitare si mare che la piscina e mi sono messa sulla terraza a casa mia...dopo 5° giorno mi ritrovo di nuovo piena di bolle.
nonstante ho magiato per tutto anno molte carote e la frutta specialmente albicocche.
ho fatto analisi del sangue e oltre il colesterolo alto tutto è nella norma.
non so più che fare,e sono stuffa di ricorrere ogni anno a cortisone e antistaminici,e passare le giornate sotto l'obrellone e la maglietta adosso...è frustrante non poter giocare con i miei figli nel acqua e fare castelli di sabbia.
vi prego aiutatemi,cosa dovrei fare,che essami posso fare per scoprire qualè problema.
sicuramente non ho provato tutto,ditemi voi.
grazie di cuore.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
non ha specificato se ha già effettuato una visita dermatologica e quale diagnosi clinica le sia stata formulata dallo specialista. Genericamente le posso dire che siamo nell'ampio capitolo delle reazioni cutanee secondarie ad esposizione alla luce, ma è importante un inquadramento preciso da parte del dermatologo.
Se lo riterrà opportuno siamo a disposizione per ulteriori chiarimenti una volta effettuata la visita
Cordiali saluti

[#2] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
scusi ha ragione non ho detto della visita dal dermatologo che al mio parere era talmente inutile.
non mi ha detto nulla tranne confermare che si tratti di allergia,mi ha prescritto il cortisone e l'antistaminico senza aprofondire più di tanto.
per questo mi sono rivolta a voi.
io non sono di pelle molto chiara,come dire bianchissima mi avicino più a fototipo || la pelle dopo aver preso il sole ha il colore d'orato,anche se prima di avere dei figli riuscivo ad ottenere l'abronzatura molto intensa.
[#3] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
ci vorrebbe una diagnosi precisa e quella che le è stata fornita non mi pare esserlo. Se si tratta di "allergia" deve essere meglio definita, ad esempio come fotodermatite mediata esogena. A quel punto possono essere fatti fotopatch test per vedere se davvero è coinvolto un fotoaptene. Ma, ripeto, è solo per fare un esempio.
Se manca la diagnosi da questa sede noi non possiamo aiutarla e di conseguenza dovrà ottenere una definizione precisa del suo quadro clinico.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
gentile dottore ,ho ricontrollato le ricette e ho visto che sta scritto ORTICARIA SOLARE ACUTA.
questa è la diagnosi del dermatologo
[#5] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
La diagnosi è certamente impegnativa nel senso che non è un problema di facile risoluzione. Per prima cosa, ovviamente, si deve evitare l'esposizione ai raggi solari. Le protezioni purtroppo non hanno una efficacia straordinaria: aiutano certamente ma non risolvono il problema. Le consiglierei l'esecuzione di FOTOTEST sia per confermare la diagnosi che per classificare in modo più preciso la sua sensibilitá (UVA, UVB, entrambi). Il test è semplice ed alla portata di qualsiasi reparto ospedaliero od universitario che, nella sua città, non manca certamente. Il trattamento verrá calibrato successivamente e, come le dicevo, non è semplice e si basa principalmente sull'evitare l'esposizione ai raggi solari. Nel tempo solitamente questa condizione migliora e tende ad avere una sintomatologia meno pronunciata.
Cordiali saluti

[#6] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
grazie dottore.
una domanda:ma questo test lo devo fare quando ho già l'orticaria,oppure lo posso fare in qualsieasi momento durante l'anno?
e poi,io vado in ferie tra due settimane,purtroppo non posso costringere i miei figli di rimanere a casa...se vado a mare dovrei rimanere sempre sotto l'ombrellone vestita o meglio che non ci vado proprio?
come ha detto la situazione può solo migliorare,non ci sono speranze di risolvere del tutto?
[#7] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
Le ho fornito alcune nozioni di tipo indicativo e generale, non so se sono applicabili al suo caso. Per ottenere consigli specifici deve rivolgersi allo specialista che dovrà anche confermare l'appropriatezza degli esami che le ho indicato (fattibili in ogni momento).
Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
ho capito,grazie.
solo l'ultima cosa che vorrei chiederle,ma più una curiosità e la domanda mi viene spontanea.
visto che tutto ha avuto l'inizio dopo le gravidanze mi chiedo se il problema non sono dei ormoni..che poi non so se centri qualcosa..durante tutte le tre gravidanze ho riscontrato i problemi nel prendere acido follico,mi riempivo di puntini rossi su tutto il tronco.
mi vorrei togliere questo dubbio,lei cosa ne pensa?
[#9] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
La ritengo una ipotesi molto difficile da confermare.
Cordiali saluti
[#10] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
in che senso difficile?ma è possibile o no?
grazie.
[#11] dopo  
Dr. Davide Brunelli
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Ritengo sia un'ipotesi molto improbabile. In medicina è difficile utilizzare lo zero, però ci si può avvicinare.
Cordiali saluti