Utente 257XXX
Salve. Sono un ragazzo di diciotto anni e,dall’età di undici anni, soffro di acne. L’acne che ho avuto non è stata affatto “leggera”. Si presentavano, infatti, “brufoli”, che avevano una forma cistica e che andavano via dopo molto tempo, seppur con numerose cure e nonostante, fin da subito, sia andato dal dermatologo. All’età di sedici anni, poi, la situazione è degenerata: nel 2010, mi è stata diagnosticata un’acne cistica-conglobata. Come cura mi hanno isotretinoina più antibiotico, ma non ha funzionato, poiché ho avuto delle coliche dolorosissime e sono anche stato ricoverato in ospedale. Avendo cambiato dermatologo, la nuova dottoressa (colei che mi ha salvato), mi ha dato una cura che comprendeva, al mattino, una pomata chiamata “eritrocimina gel” e alla sera “Isotrexin gel”, che conteneva proprio lo stesso principio di quella roba che mi aveva fatto stare male, ma questa volta non dovevo assumere nulla per via orale, solo un leggero antibiotico. Nel giro di pochi mesi, a poco a poco, la situazione è migliorata tantissimo, anche se il rossore è rimasto circa un anno (l’acne mi aveva occupato quasi tutto il volto, lascio a voi l’ammaginazione). Attualmente, la mia pelle ha sempre la tendenza all’acne, anche se più lieve. Solo raramente compare qualche comedone piè grande. Il problema sono i segni. Il rossore è scomparso, però, quando sudo, per esempio in palestra, o quando prendo sole, la pelle del viso sembra più arrossata e quindi i segni più evidenti. Inoltre sono evidenti anche perché la pelle grassa che ho, assume spesso l’aspetto unto. Quindi, a marzo, la dottoressa mi ha dato una nuova cura, per cercare di risolvere il problema: al mattino una pomata chiamata “eryacne gel” e, alla sera una pomata chiamata “Tretinoina same”, alternata, la sera successiva, con un’altra pomata chiamata “Canova 8” a base di acido glicolico, che so che aiuta molto in questi casi. La cura l’ho fatta un mese e qualche miglioramento c’è stato, ma, essendo “pesante” e non avendo io molto tempo, ho abbandonato, tornando alla cura con isotrexin, che comunque mi aiuta molto. Ora che ho più tempo, posso tornare alla cura di marzo? Mi spiego meglio: quel tipo di cura può essere fatta nei mesi estivi o ci sono controindicazioni? Inoltre cosa ne pensate? Come la trovate come cura contro i segni rimasti? Vi sembra adatta? Quanto tempo devo ancora combattere con i “brufoletti” e i segni, visto che la mia adolescenza è stata letteralmente distrutta da questo problema? Solo ora, soprattutto dal punto di vista psicologico, mi sto riprendendo un po’. Scusate per la lunghezza della domanda, ma volevo riportare tutte le informazioni, per cercare di essere chiaro e comprensibile. Spero di esserci riuscito. Distinti saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissima

i retinoidi sono controindicati nella fase estiva per il rischio di forti sensibilizzazioni da contatto; anche in estate però si può effettuare una terapia per l'acne che deve essere determina dallo specialista dermatologo e che varia in base al tipo e al grado di severità dell'acne.

nel frattempo può leggere alcuni approfondimenti su www.medicitalia.it o sul personale sito www.acne.roma.it

carissimi saluti