Utente 258XXX
Salve, dopo alcuni episodi di orticaria e gonfiore alle labbra ho effettuato dei test allergici dove sono risultata allergica alla mela,quindi mi hanno sottoposto ad altri test per i ricombinanti associati ad essa: sono risultata positiva a f 420- rPru p3 LPT pesca. L'allergologa mi ha detto di evitare la frutta secca e le rosacee (anche se dai test precedenti non risultavo allergica a nocciole, albicocche, etc).
Qualche giorno fa ho avuto lo stesso problema con la banana, quindi ho cercato su internet dove la lista degli alimenti contenenti LPT è più ampia e comprende la banana...purtroppo non rivedrò la dottoressa prima di due settimane e mi piacerebbe sapere cosa posso mangiare....ho già eliminato quasi tutti i tipi di frutta tranne cocomero e melone, mi scoccerebbe eliminare anche tutti gli ortaggi della lista. Grazie mille per la disponibilità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
le LTPs sono panallergeni, cioè - per provare a spiegarmi - sostanze allergizzanti che si ritrovano in moltissimi alimenti, pertanto ne troverà ancora altri, se li va a cercare. Ma ciò che conta è la Sua storia personale, non quello che legge su internet.
Le consiglio di evitare anche le banane e di aggiornare prima possibile la collega, per stabilire se è il caso di eseguire ulteriori test e ricevere nuove indicazioni.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 258XXX

Iscritto dal 2012
Grazie, appena le analisi saranno pronte andrò dalla mia allergologa a chiedere informazioni e valutare se farne altre. Un'ultima cosa: visto che presento allergie alimentari e tendenza a orticaria è legittimo pensare di poter essere allergica a dei farmaci e presentare un rischio operatorio maggiore della media?Mi scusi per la paranoie e grazie davvero per il servizio che svolge insieme ai suoi colleghi su questo sito.
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Non si deve scusare: le «paranoie» in un soggetto mentalmente sano si risolvono definendo per bene la situazione clinica; per fare questo è necessario che i pazienti siano ricettivi ma allo stesso tempo che i medici diano spiegazioni e indicazioni chiare.
Se l'allergia alimentare riguarda "solo" le molecole LTP e se ciò che Lei chiama «tendenza a orticaria» può essere inquadrato completamente nell'allergia alimentare, allora la risposta alla Sua domanda è no.
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 258XXX

Iscritto dal 2012
Purtroppo in realtà ho sempre avuto la pelle molto reattiva, nel senso che dopo la doccia mi vengono dei "pallini" in fuori anche usando bagnoschiumi nichel free (sono allergica al nichel) e a seconda dei vestiti che indosso (specie pantaloni). Secondo lei cosa dovrei approfondire? grazie ancora per la sua gentilezza e disponibilità
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Dovrebbe chiarire con la Sua allergologa se esiste, come sembra, un sovrapposto problema di orticaria spontanea (che può complicare anche parecchio l'interpretazione della "questione" relativa all'allergia alimentare) ed eventualmente intervenire anche in quel senso.
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 258XXX

Iscritto dal 2012
Grazie ancora per la sua disponibilità!Non vi ha dato molto peso, mi ha solo fatto intendere che nei periodi in cui mi venisse l'orticaria dovrei fare una cura con kestine lio (come ho fatto in passato per 2 mesi) e basta, ma che non dovrei assumerlo sempre.