Utente 124XXX
Gentili dottori,
è stata diagnosticata alla mia compagna la chlamidia a seguito di esami specifici, lei ultimamente lamentava bruciori e altri dolori, più forti di quelli che ha normalmente, dovuti alla candidiasi che le era stata diagnosticata e della quale lei non soffriva, ha iniziato a soffrirne da quando sono iniziati i nostri primi rapporti sessuali.
Il suo ginecologo le ha detto, non in mia presenza, che prima non aveva la malattia in oggetto perchè avevano già fatto questo tipo di esame, (abbiamo avuto una figlia due anni fa) ed in più lei soffre di candidiasi, come già detto e per questo in cura sempre dallo stesso ginecologo forse avevano già fatto questo esame, quindi essendo una malattia che si trasmette sessualmente, il suo medico (sembra che le abbia detto che uno dei due ha avuto un rapporto sessuale extra-coniugale non protetto). Sono stato, qualche giorno fa in un centro medico a fare gli esami sia urine che sangue dopo aver parlato con la direttrice del centro medico la quale mi ha detto che può anche non essere del tutto vero quello che mia moglie afferma e che invece può anche non esserci stato nessun altro tipo di rapporto extra-coniugale non protetto e che la Chlamidia possa essere stata silente per diversi anni e che sia stato anche possibile che ad un controllo fatto tempo fa da mia moglie possa essere risultato negativo quando invece era positivo. Mi ha inoltre detto che posso addirittura averla passata tanto tempo fa a mia moglie ed ora risultare negativo al test perchè a volte va via da sola (nell'uomo). Per quanto mi riguarda posso dire che anche prima di mia moglie con altre donne non passeggere ho avuto analoghi problemi (loro si lamentavano di bruciori ed avevavo dolore) dopo il rapporto sessuale e solo un medico di queste ha detto che il problema dipendeva da me. Sono stato penso tre anni fa da un urologo il quale mi ha visitato e mi ha detto che ero sano, senza richiedere nessun tipo di esame e che i problemi erano più dovuti alla candidiasi di mia moglie. Ritirerò gli esami fatti per la Chlamidia Mercoledì (sia sangue che urine), ma non mi preoccupa il fatto di avere o meno la Chlamidia, si cura con degli antibiotici mi ha detto la dottoressa che saranno quelli che hanno prescritto a mia moglie. Vorrei invece delle risposte per capire se la direttrice del centro ha ragione o quello che dice mia moglie (a quanto pare riferitole dal suo ginecologo). Prima di stare con mia moglie ho avuto tantissimi rapporti sessuali non protetti, se questo può aiutare. Anche con mia moglie abbiamo rapporti sessuali non protetti, ma sono convinto che sia io che lei non abbiamo avuto rapporti extraconiugali non protetti. Lei però dice che prima non aveva questo tipo di problema.....

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

da tutto quello che ci scrive mi sembrano completamente condivisibili le affermazioni eziologiche, sulla possibile causa del suo problema, fatte dalla dottoressa da lei incontrata al laboratorio di analisi.

Comunque ora faccia le valutazioni colturali già programmate e poi, dopo aver risentito il suo medico di fiducia, se i test sono positivi , con l'antibiogramma sarà semplice eliminare il microrganismo in causa con le dovute precauzioni ed indicazioni che anche sua moglie dovrà seguire (eventuale antibioticoterapiai e rapporti protetti).

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio molto per la celere risposta. buon lavoro
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Fatto il tutto poi ci aggiorni, se lo desidera.

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
buongiorno, ecco gli esiti degli esami:
AB ANTI CHLAMYDIA - VEDI REFERTO ALLEGATO
RICERCA CHLAMYDIA - NEGATIVA- METODO EIA

REFERTO:
ANTICORPI ANTI CHLAMIDIA IgG - RISULTATO 20 - VALORI NORMALI FINO A 100

ANTICORPI ANTI CHLAMYDIA IgM - ASSENTI

ANTICORPI ANTI CHLAMYDIA IgA - ASSENTI


Ricordo che come detto nel primo post questi esami sono stati fatti attraverso urine e sangue.

A questo punto non so più cosa pensare. Molto strano no?

Mia moglie positiva ed io negativo. So che di sicuro c'è solo la morte, ma sono certo che mia moglie non ha avuto rapporti extraconiugali e quindi una spiegazione ci deve essere. Vediamo se questa potrebbe essere plausibile: io avevo la chlamydia, l'ho passata a mia moglie 6 anni fa quando ci siamo conosciuti. In questi anni è rimasta silente. Lei ha avuto un figlio. Adesso a distanza di 6 anni viene fuori, ma a me nel frattempo è scomparsa. Cosa ne pensate? Oppure gli esami che abbiamo fatto li dobbiamo rifare entrembi perchè potrebbero esserci stati degli errori.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

quella da lei postulata sembra essere l'ipotesi può probabile.

Ancora un cordiale saluto.