Utente 259XXX
Gentili specialisti,

Mi capita molto spesso, dopo un rapporto sessuale, di notare un arrossamento nella parte di pelle del pene sotto il glande, dove si "attacca" la pelle del prepuzio al pene scappellato (spero di essere stato chiaro riguardo la zona).
Quasi come se durante la penetrazione si "tiri" troppo la pelle e faccia per strapparsi.

Questo mi porta ad avere quasi impossibilità a raggiungere l'orgasmo con l'uso del preservativo, e ad avere comunque difficoltà quando ho rapporti scoperti.
Per dare un'idea, l'ultimo weekend ho avuto 5-6 rapporti scoperti con la mia partner e ho raggiunto l'orgasmo 3 volte, sentendo i primi fastidi mettendo il preservativo la prima volta, per poi farlo senza, dato che non riuscivo a mantenere l'erezione usando il preservativo.

La sensazione fisica che provo è come se la parte sia anestetizzata durante il rapporto. Io sono uno che già dura molto durante il rapporto, in più con questo "problemino" la cosa diventa veramente difficoltosa, lei mi ha chiesto di fermarmi più di una volta perchè iniziava a sentire fastidi..

Cosa potrebbe essere? Oltre ad una crema lubrificante, cosa potrei usare?

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non si pasticci oltre!

Quello che ci racconta potrebbe essere un "problema meccanico" vista la difficoltà di raggiungere l'orgasmo.

Comunque ora è giunto il momento di sentire in diretta un bravo andrologo che, valutato il suo problema poi le indicherà la strada diagnostica e terapeutica da seguire.

Nel frattempo, se desidera avere più informazioni dettagliate su questa disfunzione sessuale, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/228-rapporto-tarda-finire-impotenza-eiaculatoria-fare.html .

Un cordiale saluto.


[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
li bisogna anche vedere che non abbia una fimosi o un frenulo breve. Eviti il fai da te.
[#3] dopo  
Utente 259XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per le risposte.

Per quanto riguarda fimosi o frenulo breve, ho cercato notizie su internet, e da una prima impressione non mi sembra il mio caso, anche se so bene che uno specialista mi saprebbe dire con più certezza.

Per quanto riguarda il link, non credo sia un mio problema quello psicologico, più che altro come diceva lei, dr. Beretta, a me sembra proprio un problema meccanico: quando non si presenta, o quando l'arrossamento/fastidio è limitato, non ho problemi.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, comunque le ripeto che ora è giunto il momento di sentire in diretta un bravo andrologo che, valutato il suo problema poi le indicherà la strada diagnostica e terapeutica da seguire.

Fatta la valutazione poi ci riaggiorni, se lo desidera.

Ancora un cordiale saluto.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
E' proprio il caso di farsi vedere, e ci tenga aggiornatiu se vuole, che di qua da una tastiera abbiamo mezzi limitati.